COLOMBA A FV, GABBIADINI O DESTRO SAREBBERO UTILI. DOMENICA È SEMPRE UN DERBY

20.11.2018 17:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:   articolo letto 2199 volte
© foto di Federico De Luca
COLOMBA A FV, GABBIADINI O DESTRO SAREBBERO UTILI. DOMENICA È SEMPRE UN DERBY

"I derby sono sempre derby, quindi a Bologna la partita sarà tesa e fisica: per la Fiorentina non sarà semplice". Per parlare del derby dell'Appennino e degli incroci che riguardano Bologna e Fiorentina, FirenzeViola.it ha sentito in esclusiva Franco Colomba, tecnico che in rossoblu è cresciuto da calciatore e da allenatore.

Mister, un commento sulla stagione tribolata del Bologna.
"La situazione non è semplice ma non è irreparabile. Credo che il problema principale siano stati gli addii di giocatori importanti e forti come Di Francesco e Verdi: garantivano imprevidibilità e gol alla squadra. I sostituti non sono stati per ora all'altezza e tant'è: la squadra di Inzaghi viaggia nelle zone poco nobili della classifica".

Proprio a proposito di Inzaghi, pensa che le colpe della situazione siano sue?
"No, non credo. A volte le classifiche prendono pieghe non brillanti anche per episodi. Certo, il Bologna ha una grossa leggerezza difensiva ma non è questione di colpe: è un momento così che spero passerà presto. Inzaghi sta facendo del suo meglio, ma mancano continuità e identità, questo mi pare piuttosto chiaro". 

E domenica c'è la Fiorentina... 
"La squadra di Pioli ha dei valori tecnici notevoli. Penso che il problema della squadra fin qui sia stato il mancato rendimento di Simeone, attaccante che negli scorsi anni aveva fatto molto meglio".

Non pensa che la squadra sia forse un po' troppo Chiesa-dipendente? 
"Chiesa ha grandi qualità, questo è fuori da ogni dubbio. Penso che sia normale affidarsi ad un giocatore come lui, anche se a volte questo può essere un limite. Considerato quanto gioca e quanto si spende in campo il ragazzo, è normale che ogni tanto manchi la lucidità necessaria e che possa non essere al top. Simeone per certi versi ha gli stessi problemi.

E che consiglio darebbe alla punta argentina?
"E' difficile da dire. Penso che si spenda troppo e questo lo limita sotto porta, ma bisogna vedere anche cosa gli chiede il mister. Se la Fiorentina riesce a controllare il gioco spesso è anche per il lavoro che fa Simeone. Ci vorrebbe una giusta miscela tra fase offensiva e difensiva". 

Cosa si aspetta dalla partita tra le due squadre?
"Sarà molto muscolare. I centrocampi metteranno in campo uno scontro atletico interessante. La Fiorentina parte con un'intelaiatura migliore ma il Bologna non renderà partita facile. E i derby sono sempre particolari...".

Ultima domanda sui possibili movimenti di mercato. Due giocatori come Destro e Gabbiadini farebbero al caso della Viola?
"Son due giocatori diversi tra loro ma chiaramente più alternative può avere Pioli e più la squadra può rendere. Gabbiadini è più simile a Simeone, non è un attaccante d'area come invece potrebbe essere una punta come Destro. Io sono per l'abbondanza: più attaccanti ci sono, meglio è".