AG. LAURINI-BIRAGHI A FV, BUONO IL GIUDIZIO, CRITICHE SPESSO ESAGERATE. HO DETTO LORO...

Esclusiva di Firenzeviola.it
 di Luciana Magistrato  articolo letto 2516 volte
© foto di Federico De Luca
AG. LAURINI-BIRAGHI A FV, BUONO IL GIUDIZIO, CRITICHE SPESSO ESAGERATE. HO DETTO LORO...

Mario Giuffredi tra due fuochi. Domenica al San Paolo si affronteranno quattro (cinque considerando anche Sepe) dei giocatori assistiti, i due terzini del Napoli Hisay e Mario Rui e i due della Fiorentina Laurini e Biraghi.
Corvino dice che i terzini sono merce rara, allora li ha tutti lei? "Corvino dice cose giuste -dice l'agente a Firenzeviola.it - soprattutto in Italia non se ne trovano molti ma credo che i miei assistiti siano giocatori bravi, tra i più forti della A e i due sinistri sono anche nel giro delle rispettive nazionali".

Eppure sono sempre nell'occhio del ciclone, sia a Firenze ma soprattutto a Napoli: "Nel calcio quando fai bene una partita sei un fenomeno, quando le sbagli non sei più buono. Da procuratore dico che spesso le critiche sono esagerate. Riferendomi ai due giocatori di Firenze, vi chiedo quante partite hanno sbagliato? Laurini credo zero, Biraghi col Chievo e forse con la Roma".

Lunedì ha visto i due giocatori viola per un motivo particolare... "Si, sono venuti a Napoli alla festa del battesimo di mio figlio, lunedì sera. In quell'occasione, come in altre io ho detto loro che non sono alla Fiorentina per grazia ricevuta ma per merito e per la loro forza e con questo spirito devono andare avanti, senza farsi condizionare da critiche. Il terzino perfetto non esiste e se esiste gioca nel Real. Ma loro sono onorati di indossare la maglia viola e di vivere in una città come Firenze, stanno benissimo, ci sentono molto e sono orgogliosi di questo. Sono sicuro che se continueranno a giocare come sanno daranno una grande soddisfazione a se stessi e di conseguenza alla Fiorentina".

Domenica un banco di prova per loro? "Ne hanno avuti già diversi, a Torino, con la Roma e la Lazio...Devono affrontare il Napoli come una squadra forte, ma come tante altre. Io dico loro di non perdere mai la serenità che è la vera dote dei campioni".

Che partita sarà, lei tiferà per il Napoli? "Sono napoletano, ma la domenica io tifo sempre e solo per i miei giocatori. Questa partita vedrà opposte due squadre con stati d'animo diversi. Il Napoli vorrà vincere a tutti i costi per riscattarsi e per questo c'è preoccupazione credo. La Fiorentina invece va al San Paolo con spensieratezza perché viene da buoni risultati col Sassuolo e all'Olimpico con la Lazio e perché sa che a Napoli perde il 90 per cento delle avversarie perciò ha tutto da guadagnare".

Si riavvicina il mercato, proporrà qualcuno a Corvino? "Con la Fiorentina ho da anni un buon rapporto, proseguito con Corvino che sento quanto basta. A lui ho già proposto e proporremo giocatori ma a gennaio il mercato è di riparazione e vengono spostati solo giocatori che hanno problemi e non si trovano bene nei loro club ed io al momento non ho questo tipo di problema".