TAS, Il punto di vista della Fiorentina: non sarebbe cambiato nulla

07.11.2018 16:57 di Redazione FV Twitter:   articolo letto 3749 volte
TAS, Il punto di vista della Fiorentina: non sarebbe cambiato nulla

Arriva una nuova presa di posizione della Fiorentina a proposito della vicenda legata al dispositivo emesso nella giornata di ieri dal Tas di Losanna nel quale, oltre a spiegare le ragioni per le quali la sentenza del Milan è stata rimessa in mano alla Uefa perché giudicata troppo severa, la società viola non è stata ammessa come membro uditore al contraddittorio tra il Tribunale svizzero e il club rossonero. Secondo quanto ricostruito da Firenzeviola.it, la Fiorentina aveva depositato una domanda di intervento nel giudizio d’appello dinanzi al Tas, ben esplicando le ragioni della propria richiesta di partecipare al giudizio sapendo che l’esclusione del Milan avrebbe consentito ai viola di partecipare all'Europa League da 7a classificata (e quindi attraverso tre turni preliminari). La Fiorentina non ha però svolto nella propria richiesta di intervento domande dirette contro il Milan visto che l’interesse della società dei Della Valle era quello di verificare che il rispetto per le regole (a cui tutti i club devono attenersi) fosse stato tale. 

Il CAS (Court of Arbitration for Sport) ha ritenuto che la posizione della Fiorentina avrebbe presentato nel giudizio d’appello soltanto una sorta di "valore neutro" e in tale ottica non ha ritenuto opportuno allargare il contraddittorio. Su questo aspetto, ha tenuto a precisare in questi minuti la società viola, ha sicuramente pesato il fatto che la procedura al Tas era stata fissata dal tribunale stesso come "expedited" (ovvero "accelerata") rispetto ai tempi procedurali ordinari. Pertanto, allargare il contraddittorio ad altre parti non strettamente necessarie avrebbe rallentato il giudizio. Da sottolineare, inoltre, che quando la Fiorentina ha chiesto di partecipare quantomeno in qualità di "membro uditore", la richiesta è stata nuovamente rigettata probabilmente perché il Milan aveva svolto delle richieste istruttorie riguardanti importanti club come il Manchester City e il PSG e tali dossier e procedimenti sono assai riservati. Non è escluso però (anzi è altamente probabile) che sulla richiesta di essere presenti come "osservatori" abbia pesato il ritardo con cui la società inviato la richiesta. Resta pertanto il fatto che, anche nel caso in cui la Fiorentina fosse stata ammessa ad assistere al dibattito tra il Milan e il Tas senza la possibilità di poter intervenire, la sentenza finale non sarebbe cambiata.