CHIESA IL MIGLIORE MA MANCA CATTIVERIA SOTTO PORTA

 di Tommaso Loreto Twitter:   articolo letto 8864 volte
© foto di Federico De Luca 2018
CHIESA IL MIGLIORE MA MANCA CATTIVERIA SOTTO PORTA

SPORTIELLO – Di fatto non è mai impegnato nei primi 45 minuti. Anche nella ripresa non deve compiere miracoli ma è pronto a respingere la punizione di Viviani nella sua prima parata del match. Attento, 6

MILENKOVIC – Chiusure all'altezza e un colpo di testa alto di poco sul finire del primo tempo. Attento sulle diagonali in più di una circostanza, 6,5

VITOR HUGO – Sembrerebbe suo il fallo che inizialmente Orsato considera da rigore, ma l'azione è viziata da calcione rimediato da Pezzella. Cresce col passare del tempo facendosi trovare con puntualità praticamente su ogni pallone. Ingenua l'ammonizione per fallo su Paloschi che fa il paio con quale errore di troppo, 6

PEZZELLA – E' lui a subir fallo nell'azione del rigore poi revocato da Orsato. Buona guardia e consuete proiezioni offensive anche se nella ripresa, di testa, non trova lo specchio della porta. Nel finale alza sopra la traversa dal limite. Meno appariscente del solito, 6

BIRAGHI – Impegna severamente Meret a una decina di minuti dall'intervallo con un bel diagonale. Anche nel secondo tempo potrebbe segnare ma il suo tiro da buona posizione, su invito di Falcinelli, finisce alto. Al solito non si risparmia, 6

Dal 34'st GIL DIAS – Potrebbe finalizzare una bella ripartenza rapida ma trova l'ennesima parata di Meret. Al secondo tentativo è invece clamorosamente impreciso dal limite dell'area, 5,5

BENASSI – Non riesce ad arrivare al tiro ma nel primo tempo è comunque nel vivo dell'azione. Discorso diverso nel secondo tempo quando la sua spinta manca, 5,5

VERETOUT – Dei tre di centrocampo è quello che si prende la posizione centrale. Ha le sue difficoltà a regalare geometrie alla squadra e nel secondo tempo non va diversamente. Innesca adeguatamente il contropiede dal quale nasce l'occasione di Gil Dias. Anche se non è il suo ruolo si difende, 6

DABO – Palleggia con buona velocità senza rinunciare all'interdizione. Qualche segnale di stanchezza soprattutto nei secondi 45 minuti ma conferma i progressi nell'inserimento, 6

SAPONARA – Buon inizio con un bel tiro con Meret che alza sopra la traversa. Più tardi è ancora un suo tentativo a finire largo di pochissimo. Bello anche il tocco che libera Chiesa al tiro a poco dall'intervallo. Cala alla distanza ma la prova è più che positiva, 6,5

Dal 19'st EYSSERIC – Ci prova senza fortuna appena entrato in campo. Più tardi fa tutto benissimo penetrando in area di rigore salvo sbagliare completamente l'angolazione del tiro. Un peccato, 5,5

CHIESA – Anche lui parte forte con un paio di iniziative sulle destra, una delle quali per poco non consente a Simeone di segnare. Conferma un ottimo primo tempo con l'ennesimo tiro sul quale Meret salva i suoi. Riprende fiato in avvio di ripresa poi si fa di nuovo apprezzare per un tiro da fuori da metà ripresa. E' lui ad avviare il contropiede non concretizzato confermando di essere stato il migliore in campo, 6,5

SIMEONE – Manca di pochissimo la deviazione, dopo una decina di minuti, sul cross basso di Chiesa. Azione fotocopia anche Per il resto è un primo tempo abbastanza scorbutico. Non va meglio nella ripresa quando è in seria difficoltà anche solo a difender palla. Giornatuccia, 5,5

Dal 19'st FALCINELLI – Ha il merito di liberare al tiro Biraghi da buonissima posizione anche se non combina molto altro, 6

PIOLI – Nessuna sorpresa nella formazione e un buon primo tempo nel quale però manca cattiveria al momento della finalizzazione. A inizio ripresa la squadra sembra meno lucida e dopo 20 minuti richiama Simeone e Saponara mandando in campo Falcinelli ed Eysseric. Il gol non arriva perciò sbilancia ancora con la squadra richiamando Biraghi e inserendo Gil Dias. Il portoghese ha suoi piedi le ultime due occasioni di una gara che la Spal gioca alla pari ma nella quale alla Fiorentina manca la giusta cattiveria sotto porta. Di certo non si può dire che i suoi non abbiano provato a vincere anche per il messaggio lanciato con le sostituzioni tutte offensive, 6,5