TECNICO E RINNOVI PASSANO DALLE IDEE

 di Luciana Magistrato  articolo letto 2652 volte
© foto di Federico De Luca
TECNICO E RINNOVI PASSANO DALLE IDEE

Tic tac tic tac... La stagione è agli sgoccioli ma nessuna società ha ancora le idee chiare sul futuro. La Fiorentina, da questo punto di vista, è già un passo avanti: opzione scaduta per Sousa e addio sicuro. Al tecnico portoghese non mancano estimatori, sia in Italia che all'estero, ma a questo punto ai tifosi viola interessa più chi arriverà al posto suo sulla panchina gigliata che le sorti di Sousa. Quello tra l'ambiente e il portoghese è stato un rapporto partito alla grande, un apparente amore a prima vista che poi si è rivelato un fuoco di paglia, complice una società che non ha saputo supportarlo nel momento decisivo della prima stagione. La seconda è stato un flop, ammettiamolo, perché se è vero che gli acquisti non sono stati all'altezza è anche vero che erano stati mantenuti tutti i titolari per metterlo in grado di raggiungere l'Europa. Una scelta forse non sua, a differenza di quanto si credesse.

La società vuole evitare tecnici che dopo un anno inizino a ragionare e ad avere pretese come se fosse alla Juventus e potesse vincere lo scudetto, ma per un allenatore è altrettanto importante che la rosa sia adeguata agli obiettivi e che questi siano chiari fin dall'inizio. Certo, in una piazza esigente come Firenze e che ragiona sempre e solo di pancia per un dirigente è difficile creare entusiasmo se non promettendo l'Europa o un trofeo ma è anche vero che, dopo 15 anni di gestione e tanti passi avanti da parte dei Della Valle (soprattutto quest'anno con il riavvicinamneto ai tifosi, l'ingresso in società di Antognoni e lo stadio nuovo), serve anche un progetto adeguato alla piazza. Ed è su quello che si gioca il nome del nuovo tecnico e dei rinnovi di peso, in particolare quello di Bernardeschi, un giovane ambizioso che giustamente dalla sua carriera cerca il massimo e qualche trofeo.