IL VERO OBIETTIVO

 di Tommaso Loreto Twitter:   articolo letto 8610 volte
© foto di Alterphotos/Acero
IL VERO OBIETTIVO

Per forza di cose l'atmosfera interna doveva essere cambiata. Se le due sconfitte iniziali sembravano allungare la striscia negativa (e noiosa) degli ultimi tempi di Sousa sulla panchina viola, la vittoria di Verona finalmente sancisce il primo vero passo del neonato gruppo di Pioli. Una rosa rivoluzionata, un sacco di volti nuovi arrivati per forza di cose in sordina a fronte delle tante partenze eccellenti

A margine del 5-0 sull'Hellas sono tante le note positive da registrare in vista di sabato sera quando arriverà il Bologna, ma è soprattutto l'animo, l'atteggiamento che deve far sperare la tifoseria. Perchè in mezzo a così tanta incertezza (solo parzialmente scalfita dalle voci di un ipotetico ritorno dei Della Valle) veder finalmente una Fiorentina moversi compatta e divertita ha quasi il sapore della liberazione. 

Inscatolati in schemi sempre meno comprensibili, con una fase difensiva a dir poco incerta, la squadra della passata stagione ha lasciato spazio a una Fiorentina apparentemente diversa, nei singoli ma anche nel gioco, certamente più motivata per evidenti motivi. Il lavoro di Pioli è ancora lungo e imponente, ma intanto la squadra viola è tornata a divertire e divertirsi. Senza fare troppi calcoli potrebbe essere semplicemente questo il vero obiettivo della stagione.