INTOCCABILE CERTEZZA

 di Pietro Lazzerini Twitter:   articolo letto 7082 volte
© foto di Federico De Luca
INTOCCABILE CERTEZZA

In molti, tra gli addetti ai lavori, ieri sera si aspettavano fuoco e fiamme dalla 'premiata ditta' composta da Domenico Berardi e Federico Bernardeschi, ma l'ago della bilancia della sfida vinta dall'Under 21 di Di Biagio contro la Danimarca è stato a sorpresa un altro Federico, ovvero Chiesa. Il giovane esterno offensivo della Fiorentina, al suo esordio ufficiale con la maglia degli Azzurrini, è subentrato nella ripresa proprio all'attaccante del Sassuolo e, di fatto, ha cambiato volto agli azzurri 'liberando' Berna dai compiti sulla fascia sinistra e fornendo poi l'assist vincente a Petagna per il secondo gol contro segnato agli scandinavi. 

Chiesa ha confermato di essere in una forma straordinaria, sensazione evidente già nel corso del ritiro di Trigoria. Mercoledì sera, contro la Repubblica Ceca, si candida per un posto tra i titolari, magari proprio al posto di uno dei due gioielli appannati nella prima sfida del girone. Una certezza per Di Biagio, un cambio in più all'altezza dei titolarissimi, ma anche una grande sicurezza per la Fiorentina.

Il numero 20 azzurro infatti, è uno dei pochi, se non l'unico, intoccabile della squadra del futuro targata Pioli. Una sorpresa della stagione di Sousa che il prossimo anno è chiamato alla prima conferma. Se il buongiorno si vede dal mattino, questa prima presenza all'Europeo è sicuramente un indizio che il talento del figlio d'arte viola, non è un semplice fuoco di paglia, ma qualcosa su cui puntare con decisione anche per il prossimo campionato. Federico Chiesa è determinato, grintoso e attaccato alla maglia che indossa. Caratteristiche che hanno fatto innamorare i tifosi ma anche tutti gli addetti ai lavori. Il neo tecnico gigliato dovrà trovargli una collocazione per esaltarne il talento, perché se per Bernardeschi del doman non v'è certezza, su 'Chiesino' le certezze aumentano di settimana in settimana.