ANDREAZZOLI, Con due vittorie siamo salvi

18.05.2019 19:00 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ANDREAZZOLI, Con due vittorie siamo salvi

Il tecnico azzurro Aurelio Andreazzoli ha parlato in conferenza nella sala stampa Antonio Bassi dello stadio Castellani alla vigilia della sfida con il Torino. “Se vinciamo entrambe le prossime gare siamo salvi – ha dichiarato il tecnico azzurro -, anche se fino ad oggi non ci avevo soffermato l’attenzione pensando sempre e solo alla prossima gara senza guardare troppo avanti. È una situazione comunque complicata, lo sappiamo, ma l’abbiamo in mano e non dipendiamo da nessuno. Domani è una tappa delle ultime due che rimangono su cui dobbiamo concentrarci fortemente: sarà altrettanto difficile come le ultime due e ci auguriamo di poter dare ancora di più di quello che abbiamo dato nelle ultime gare. Abbiamo solo un risultato a disposizione e sapremo che non sarà facile ottenerlo perché andremo ad affrontare una squadra come il Torino che ha fatto 60 punti e che ha perso meno di tutti in trasferta. Sappiamo però che le cose non semplici ci stimolano particolarmente: giochiamo in casa nostra, il pubblico qui ci ha sempre dato una grandissima mano e domani preferisco essere dalla mia parte”.

I tifosi hanno mostrato grande vicinanza alla squadra. “La richiesta dei tifosi ci ha fatto piacere, e d’accordo con i ragazzi abbiamo rivisto la programmazione della settimana e oggi dedichiamo questa seduta al nostro pubblico. La partita di domani si gioca fin da oggi e come era nelle nostre intenzioni vogliamo avere la città dalla nostra parte. Dico grazie alla città, ai tifosi per questo tentativo di far di tutto per raggiungere la salvezza: noi ci abbiamo provato sempre, nel modo più serio possibile, altrettanto è stato fatto da fuori, abbiamo accolto felicemente l’iniziativa e faremo tutto il possibile per raggiungere l’obiettivo. Anche perché penso che quando fai tutto il possibile puoi essere soddisfatto comunque e non aver rimpianti, sperando logicamente di esserlo al 100%”.

Come arriva la squadra a queste due sfide decisive? “Mentalmente siamo stati sempre bene, sempre disponibili ad ogni sollecitazione, anche quando era più difficile. Sotto l’aspetto fisico non siamo al top, ma non ha importanza, perché eravamo così anche la scorsa settimana e poi abbiamo visto come è andata a finire. Chi ha dolori li sopporterà, chi ha avuto qualche problema lo supererà: vogliamo abbattere le difficoltà perché la posta in palio è talmente grande che non c’è ostacolo che in questo momento possa impensierirci” .

Che avversario affronterete? “In A tutte le squadre sono difficili e pericolose da affrontare, poi gli aspetti particolari che ogni squadra ha vanno considerati di volta in volta e sono diversi da altri. Sappiamo che il Torino è una squadra molto fisica, ma non solo. È quella che sostiene il maggior numero di dribbling in una gara, che ha tante armi a propria disposizione e sa come usarle nel migliore dei modi. Noi crediamo di conoscerli, poi come sempre dovremo essere bravi noi a evidenziare i loro difetti e a limare i nostri. Venendo al tipo di gara, non riesco a pensare due squadre che si mettono a fare calcoli, entrambe abbiamo il nostro modo di interpretare il calcio e determinata fisionomia. Poi come sempre dipende da cosa sapremo fare e da quello che ci consentiranno di fare loro, ma spero sia una gara aperta. Ce la giocheremo e vedremo chi avrà la possibilità e la buona sorte di ottenere quello che vuole.

Ha già pensato al futuro? "Lasciamo finire il campionato e poi valuteremo il tutto: parlare ora è impossibile e non voglio nemmeno pensarci”.