FIORETTI, Striscioni per DA13 mi spezzavano il respiro

06.05.2021 11:12 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
FIORETTI, Striscioni per DA13 mi spezzavano il respiro
FirenzeViola.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Il Corriere Fiorentino dedica questa mattina una pagina al libro scritto da Francesca Fioretti sulla scomparsa del compagno Davide Astori a tre giorni dalla sentenza definitiva sul caso. La donna ha usato parole struggenti per definire i momenti dopo la morte del capitano viola. Ve ne proponiamo uno spezzone: «Accendere la televisione o girare per Firenze per me era un incubo: incrociavo ovunque striscioni, dediche, servizi sportivi; la gente mi fermava per strada, mi salutava e abbracciava; quando andavamo all’asilo, passavamo con Vittoria vicino allo stadio e i percorsi in macchina mi facevano piombare costantemente dentro le nostre abitudini, come se vedessi nell’asfalto le tracce che avevamo lasciato sul fondo umido di un bosco. Un giorno, a causa di alcuni cantieri, ho dovuto cambiare strada e mi sono ritrovata di fronte al muro dello stadio che i tifosi gli avevano dedicato: era pieno di fiori, biglietti, maglie, disegni. Avevo evitato di imbattermici fino a quel momento; trovarmelo di fronte mi ha costretta a fermare la macchina, mi si era spezzato il respiro. Razionalmente comprendevo il calore che si era sollevato attorno a lui, lo trovavo commovente, meritato: in fondo Davide aveva fatto una carriera esemplare, era un giocatore solido e un uomo luminoso, è normale che in tanti che lo conoscevano appena lo amassero».