PIERGUIDI, DV, mai fatti striscioni. Per il Franchi...

04.06.2020 11:45 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
PIERGUIDI, DV, mai fatti striscioni. Per il Franchi...

Il presidente del Quartiere 2 di Firenze, Michele Pierguidi, ha commentato a targettopoli.com la virata sull'Artemio Franchi, ieri, del sindaco Dario Nardella: "Sono contento se ne sia convinto anche lui, io ho sempre detto che era la cosa migliore. Si deve fare un Franchi bello, nuovo, comodo come serve ad una squadra nell’anno 2020. Deve essere coperto, con le curve vicine al campo. Ricordo che l’unica soluzione presentata alla soprintendenza dal presidente Commisso è stata quella dell’architetto Casamonti per il restauro del Franchi, quindi è anche la prima idea della Fiorentina. Campi Bisenzio? Io mi occupo del mio quartiere e del fatto che se la Fiorentina se ne andasse dal Franchi lo stadio rimarrebbe e temo molto che non ci possa essere l’investimento dell’amministrazione per mantenerlo in stato di decenza. Ci ritroveremmo una cattedrale nel deserto che si presterebbe al degrado come accaduto al Flaminio di Roma. Io credo che la preoccupazione dei fiorentini debba essere anche questa. Quando dico che ci vuole un nuovo Franchi, lo dico per Firenze e per la Fiorentina. Io non ho mai fatto striscioni neanche per i Della Valle: sono con Firenze e con la Fiorentina e con chi vuole bene a Firenze e alla Fiorentina. Commisso ha portato entusiasmo, a me compreso, e sono orgoglioso quando si vuole investire nella città di Firenze, creare posti di lavoro ma anche riqualificare zone. Fatemi tifare per il mio quartiere e la mia città".

Come può coesistere l’aumento di fatturato con la sola ristrutturazione del Franchi?
"Il Franchi si può vendere a chi valorizza il bene. L’ha detto il Sovrintendente più volte. Ci sono squadre che non hanno stadi di proprietà ma che hanno grandi squadre come Roma, Lazio, Napoli, Inter, Milan. Neanche la Juve ce l’ha di proprietà, perché vanta “solo” un diritto di superficie per novantanove anni. Io posso essere per lo stadio di proprietà della Fiorentina, ma chi pensa che questa possa essere una conditio sine qua non per avere una grande squadra dice una stupidaggine. Le squadre forti si possono avere anche con stadi non di proprietà. Commisso ha un patrimonio di più di cinque miliardi di euro e se vuole fare una grande squadra può farlo anche adesso e me lo auguro visto che sono stato abbonato in Curva Fiesole dal 1977 al 2009. Io penso che con gente che capisce di calcio e con soldi si possano fare grandi squadre. Lo stadio di proprietà? Io sono per farlo e sono per permettere alla Fiorentina di averlo. La soluzione più fast è il Franchi di proprietà della Fiorentina. Al Comune il Franchi costa più di un milione di euro di manutenzione all’anno a fronte di un affitto della Fiorentina molto più basso".