VICE PRES. ASSOAGENTI A FV: "PARAMETRI ZERO? VIOLA SULLA STRADA GIUSTA. COMMISSIONI..."

05.04.2022 19:00 di Luciana Magistrato   vedi letture
VICE PRES. ASSOAGENTI A FV: "PARAMETRI ZERO? VIOLA SULLA STRADA GIUSTA. COMMISSIONI..."

A Firenze per il convegno "L'agente sportivo e l'avvocato nello sport professionistico", (moderato dall'avvocato e agente Giulio Dini con relatori anche l'agente Francesco Romano e Mauro Garau dell'associazione AvvocatiCalcioRaffaele Rigitano, vicepresidente dell'AIACS (associazione agenti sportivi) ha parlato a Firenzeviola.it dei temi toccati nel convegno e di tematiche di attualità, care anche alla Fiorentina: "In questo incontro abbiamo parlato del ruolo nel calcio degli agenti e degli avvocati, due figure complementari, con la figura dell'avvocato che sta diventando sempre più pregnante nella consulenza degli atleti e delle società e ci sono degli aspetti che coincidono. E' stato un momento importante di formazione"

Da Firenze è partita una battaglia contro i superpoteri degli agenti, l'associazione come si pone?
"Gli agenti devono essere coinvolti in tavoli di discussione. Mai posti aut aut rispetto a normative o interventi o modalità operative, quello che rivendicano gli agenti è la necessità di un tavolo di lavoro cui devono essere seduti anche gli agenti stessi perché loro inevitabilmente fanno parte del sistema perché altrimenti non ci sarebbero  motivi di accusarli di essere la causa dello svilimento del sistema calcio come avviene. In realtà non è così ed è giusto che ci sia partecipazione insieme alle istituzioni e con forme di convivenza più pacifiche".

Stride con la crisi economica delle società la cifra di 174 mln spesa in commissioni dalla serie A, sarà mai inserito un tetto?
"Oggi non ci sono tetti perché si è ritenuto che il mercato lo facciano anche le società.  Noi guardiamo le commissioni ma in realtà sono una percentuale rispetto al valore della transazione e della patrimonializzazione e l'agente richiede, e viene accettato dalla società perché è consensuale il contratto firmato tra le due parti, una percentuale su questo valore, cosa prevista nei regolamenti. Dobbiamo guardare non solo la cifra degli agenti ma anche l'utilità che ne hanno le società dagli affari degli agenti".

Come si risolve il problema dei parametri zero, con la Fiorentina che ha ceduto Vlahovic per non perderlo a zero e gli esempi di Kessie e Donnarumma nel Milan?
"Il problema è legato ad un momento epocale della pandemia e dal fatto di non poter sostenere certi costi perché parliamo di giocatori forti e ambiti da club importanti e credo che sia giusto il comportamento di Fiorentina e Milan che accettano quello che decide il giocatore ma si affidano alle prestazioni dello stesso, accettando dunque la volontà dei tesserati di andare via ma utilizzandoli finché sono nel club, come è stato per Vlahovic e Donnarumma rf ora con Kessie. Ma non c'è solo il mancato guadagno ma anche il risparmio sul lordo del rinnovo, che in Italia è il doppio".  

Nel calcio moderno, come è accaduto a Italiano che si è affidato a Ramadani, anche i tecnici tendono ad affidarsi a superprocuratori:
"Senza andare nel caso specifico, gli agenti hanno una capacità di consulenza che è interessante per gli atleti e dunque anche per gli allenatori, per avere una assistenza adeguata".

Sul ruolo degli avvocati nel calcio ha invece parlato, sempre ai microfoni di Firenzeviola.it, l'altro relatore del convegno Mauro Garau: "L'avvocato nel calcio può assistere l'atleta, la società, l'agente del calciatore o difende nel contenzioso endofederale gli atleti e i club. Oggi abbiamo parlato come negli ultimi regolamenti sia stata espunta la voce dell'avvocato che non viene quasi legittimato ad operare nell'ordinamento sportivo e per questo stiamo lavorando con il Coni e la Figc, abbiamo fatto richiesta anche per parlare con il Dipartimento per lo sport della Presdienza del consiglio dei ministri, affinché torni chiara la legittimazione dell'avvocato e che il nome avvocato sia sempre presente nei regolamenti sportivi"

Allenatori sempre più con super procuratori e non con avvocati? "Nonostante la figura non sia specificata nei regolamenti la sostanza di certi contratti passa anche da avvocati che assistono questi procuratori"