L'EMENDAMENTO SALVASTADI È STATO APPROVATO: I DETTAGLI

02.09.2020 09:43 di Giacomo A. Galassi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Andrea Giannattasio
© foto di Image Sport
L'EMENDAMENTO SALVASTADI È STATO APPROVATO: I DETTAGLI

Il primo, fondamentale, passo è stato fatto. La questione stadio potrebbe essere arrivata davvero ad una svolta decisiva: nella notte (poco prima delle 5 del mattino) la Commissione del Senato ha approvato l'emendamento salvastadi che verrà aggiunto al Decreto Semplificazioni. Un passo importantissimo perché dopo le convergenze di Italia Viva e Pd raccolte nel tardo pomeriggio di ieri, anche le opposizioni hanno accettato la proposta che adesso ha come primo firmatario l'ex sindaco di Firenze Matteo Renzi oltre alla senatrice Caterina Biti.

La Lega stessa ha comunicato la sua soddisfazione per un progetto che "semplifica anche le procedure per gli impianti vincolati dalle soprintendenze che devono essere riqualificati, come quello di Firenze". Unico dissenso quello del Movimento 5 Stelle, che però non ha frenato la corsa dell'emendamento che entro le prossime 48 ore dovrà essere approvato anche da Camera e Senato: un iter che solitamente non prevede grandi stravolgimenti a meno di franchi tiratori dell'ultima ora.

Come cambierà il Franchi - Una volta approvata la legge sarà il turno di Rocco Commisso, che già da tempo si è affidato allo studio del noto architetto Casamonti. Un progetto che -secondo quanto raccolto da FirenzeViola.it - rifarà quasi totalmente il look al Franchi. Le due curve avranno un'altezza di circa 30 metri, a fronte dei 15 attuali, e ampie porzioni dell'attuale struttura verranno abbattute. Con il nuovo emendamento il vincolo economico-funzionale diventa primario rispetto a quello paesaggistico e artistico. E così Rocco Commisso potrà dunque portare a termine il tanto agognato restyling del Franchi.