BISOLI A FV, PERCHÉ BOA? DÀ EQUILIBRIO E CARATTERE. CAGLIARI DA EL. CASTROVILLI...

06.11.2019 19:30 di Luciana Magistrato   Vedi letture
© foto di Alberto Fornasari
BISOLI A FV, PERCHÉ BOA? DÀ EQUILIBRIO E CARATTERE. CAGLIARI DA EL. CASTROVILLI...

Pierpaolo Bisoli, ex giocatore e allenatore del Cagliari e collaboratore di Zoff alla Fiorentina, ha parlato in esclusiva a Firenzeviola.it, della sfida di domenica tra le due squadre, a partire da quella sarda: "Il Cagliari sta andando oltre le prospettive anche se io l'ho subito pronosticato come la possibile grande sorpresa. D'altronde ha fatto un mercato intelligente ed ha un mix importante tra giovani e giocatori importanti, penso a Nainggolan, Rog e Simeone e nel momento in cui si è fatto male Cragno si era assicurata un portiere che sta facendo più che bene come Olsen. Forse servirebbe un difensore in più ma mi sembra che la società abbia operato bene e non ha badato a spese. D'altronde nel 2020 festeggerà il centenario e credo che sul mercato abbia operato per onorare la ricorrenza. Per me può lottare per l'Europa League".

Come vede invece la Fiorentina?
"Non era partita tanto bene ma con il 3-5-2 Montella ha trovato la quadra anche se a Brescia mi è sembrata una squadra un po' stanca. Il problema è che non ha un vero finalizzatore e alla lunga può pesare. Gioca un buon calcio ma non conclude dentro l'area, come è accaduto proprio a Brescia dove ero presente appunto".

Montella preferisce Boateng a Vlahovic, mossa giusta?
"Boateng a me piace, sinceramente, perché dà equilibrio, attacca ma sa anche difendere e aiutare la squadra, ha esperienza e carattere ma a volte questa squadra sembra aver bisogno di un uomo prettamente d'area, perciò credo che il tecnico, anche in base al tipo di gara, saprà scegliere il giocatore più utile tra i due, se non farli giocare insieme".

Dove si giocherà la sfida tra i viola e il Cagliari?
"A centrocampo. Da una parte c'è un Nainggolan che ha trovato, rispetto a Milano, la continuità e sa fare la differenza se gli fai prendere la palla. E' anche motivato perché a Cagliari ha fatto una scelta di vita e non vuole deludere il popolo sardo. La Fiorentina ha Castrovilli che dimostra che anche partendo dal basso si può arrivare a grandi traguardi, l'ho sempre ammirato anche in serie B.  Chi prevarrà in quel settore potrà vincere la partita. Di sicuro vedremo una bella gara tra due squadre che giocano a calcio"

Castrovilli è da Nazionale? 
"Prima ci voleva più tempo per arrivare a vestire la maglia dell'Italia ma ora ci si arriva più velocemente e per il salto di qualità che ha fatto è giusto convocarlo".

La Fiorentina dove può arrivare?
"La Fiorentina sta progettando qualcosa di importante e vuole essere protagonista grazie anche all'entusiasmo e alla mentalità portata dal nuovo proprietario. Ha inoltre tanti giovani in squadra destinati a crescere, ha tenuto Chiesa, ha idee giuste... Manca la punta che la butti dentro con continuità e non so se si adopereranno sul mercato o aspetteranno l'esplosione di Vlahovic e Pedro ma credo possano comunque lottare per un posto in Europa League".