BIA A FV, MIX VIOLA ESPERIENZA-GIOVENTÙ OK, POSITIVI I RINNOVI. IL "MIO" BRANCOLINI...

04.10.2019 19:30 di Luciana Magistrato   Vedi letture
© foto di
BIA A FV, MIX VIOLA ESPERIENZA-GIOVENTÙ OK, POSITIVI I RINNOVI. IL "MIO" BRANCOLINI...

"Mi piace la politica della Fiorentina, sui giovani. Sono contento dei tanti rinnovi che sta facendo". A dirlo in esclusiva a Firenzeviola.it è Giovanni Bia, agente tra gli altri di due giovani che giocano nella Fiorentina, Mattia Trovato ora al Cosenza e il portiere Federico Brancolini. "Il mix tra giocatori esperti e giovani è il percorso giusto per una società come la Fiorentina, perché dai campioni si acquisiscono anche i comportamenti in allenamento durante la settimana e insegnano a gestire i periodi negativi, inoltre si impara dall'esempio come comportarsi dentro e fuori dal campo. Ora sono previsti i rinnovi di molti giovani viola che sono stati portati in prima squadra e spero che presto arrivi anche il momento di Federico Brancolini, che sta giocando con la Primavera ma mi auguro che anche lui possa seguire il percorso degli altri magari tra un anno, un anno e mezzo. So che la società ci crede e ne sono felice, inoltre ha le sue chances in Nazionale. Trovato sta invece facendo un altro tipo di percorso, in prestito".

Lei si intende di giocatori giovani, che idea si è fatto di Castrovilli? "Lo conosco e apprezzo dalle giovanili tra Bari e Fiorentina e vedo che ha acquisito continuità, cattiveria agonistica e fiducia nei propri mezzi che prima magari non aveva".

E' sorpreso dal rendimento di Ribery? "Ha sempre giocato ad un livello molto alto e quindi il suo rendimento non mi sorprende, è nel Dna di certi giocatori giocare bene, ma forse sta rendendo molto perché aveva bisogno lui per primo di cambiare aria e giocare in un ambiente nuuovo dove avesse la massima fiducia in lui".

Lei è un ex giocatore dell'Udinese, che partita si aspetta domenica al Franchi? "Di sicuro una bella partita e spettacolare indipendentemente dai gol che saranno realizzati perché ci sono due allenatori che fanno giocare bene le loro squadre e fortunatamente in questa serie A se ne vedono di più rispetto ad altri anni. Tudor ha acquisito maggiore esperienza e può risollevare l'Udinese dopo un avvio così così perché un conto è giocare in Italia e un conto è allenare ed ora ha scelto la via del gioco per arrivare ai risultati, dando un'identità precisa all'Udinese". 

La Fiorentina l'ha sorpresa invece? "L'ho vista in preparazione e devo dire che mi ha sorpreso, sì, ma sono contento e, ripeto, Pradè ha fatto un buon lavoro portando giocatori esperti come Ribery appunto e giovani, inoltre giocano sulla scia dell'entusiasmo che si è creato a Firenze".