ANDRISSI (EX DS SPEZIA) A FV: "ITALIANO SIMILE A GATTUSO. MAGGIORE E MALEH DA BIG"

03.07.2021 19:30 di Alessandro Di Nardo   vedi letture
ANDRISSI (EX DS SPEZIA) A FV: "ITALIANO SIMILE A GATTUSO. MAGGIORE E MALEH DA BIG"
FirenzeViola.it
© foto di Image Sport

La Spezia-Firenze è stato un asse caldo nella scorsa settimana: dalla città ligure è arrivato il nuovo allenatore della Fiorentina, Vincenzo Italiano, insieme al suo staff; da La Spezia sono arrivate anche alcune critiche da parte della presidenza Platek per la modalità con cui l’ormai ex allenatore degli spezzini si è liberato del suo contratto ed ha accettato la corte dei viola. E da la Spezia potrebbero arrivare ulteriori rinforzi, come Erlic o Maggiore. Per parlare di questi temi la redazione di FirenzeViola.it ha contattato Gianluca Andrissi,ex Direttore Sportivo dello Spezia e gran conoscitore del calcio giovanile, che ci ha parlato dell’approdo di Italiano a Firenze e di alcuni movimenti di mercato che potrebbero coinvolgere i viola: “Non ho lavorato con Italiano ma lo conosco. Sinceramente credo che come allenatore sia molto simile a Gattuso: tutti e due hanno una forte personalità che si fa sentire sia in allenamento che in partita. Poi le loro idee di calcio divergono ma il modo di porsi è simile. Credo che per Italiano l’arrivo alla Fiorentina sia uno step in avanti, anche se pure lo Spezia sta costruendo un progetto ambizioso. In generale lo considero, insieme a Dionisi, Zanetti e De Zerbi, tra i migliori della nuova scuola di allenatori italiani, ha fatto bene in ogni categoria, dalla D alla A”

Il presidente dello Spezia Platek in un comunicato ha attaccato indirettamente la scelta di Italiano di liberarsi del suo contratto…
“La Spezia è una piazza più tosta di quanto sembra, penso abbia similitudini con Firenze: i tifosi sono molto esigenti. Non vivo più la realtà della città ma ho comunque tanti amici lì; credo ci siano rimasti tutti male per l’addio di Italiano, non solo la dirigenza. Erano molto legati a lui ed è probabile che molti vivano questa vicenda come un tradimento. Allo stesso modo è difficile dare un giudizio di quanto successo da fuori”.

Come vede la nuova Fiorentina che sta costruendo Commisso?
“Il presidente viola sta facendo le cose per bene, puntando subito nelle infrastrutture come il nuovo centro sportivo. Penso sia la mossa giusta, i giovani sono il patrimonio futuro di ogni società. Anche Volpi (ndr: ex presidente dello Spezia) quando arrivò si dedicò al centro sportivo, e in dieci anni raccolse grandi risultati”

Lei allo Spezia ha avuto Giulio Maggiore, centrocampista che sembra possa interessare ai viola…
“L’ho avuto in B nella stagione 2017/18. Con Pessina formava una coppia di centrocampo che ora vale tanto. Senza dubbio Giulio è un giocatore importante. Ha 23 anni ma per uno della sua età ha moltissime presenze da professionista, anche in B mi ricordo che non saltò quasi mai una partita.  Penso sia già maturo per una grande squadra”

Lei conosce bene anche Youssef Maleh…
 “Maleh l’ho avuto contro in C qualche anno fa, è un giocatore molto interessante e versatile. Penso possa servire sin da subito alla Fiorentina”.