UN ANNO DOPO

06.06.2020 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
UN ANNO DOPO

Un anno che ha completamente ribaltato tutti gli scenari e poco male se ancora la strada appare lunga e tortuosa. Nel giorno in cui Commisso celebrerà il suo primo anno da presidente della Fiorentina le sue quotazioni in città restano in forte rialzo, di certo non hanno subito cali dal giorno del suo arrivo in città. Il tempo di firmare ufficialmente l’acquisto del club e l’americano era già in volo su Firenze, il resto è storia come la festa al Franchi per un popolo che dodici mesi dopo si fida ciecamente del suo nuovo patron. 

Ed è forse questo l’aspetto più importante nel primo anno di gestione americana della Fiorentina, un percorso per niente banale fatto di imprevisti e incidenti di percorso come il cambio di allenatore, o di spiacevoli frenate come sul fronte stadio, ma lungo il quale la società non ha fatto altro che ribadire e rilanciare il proprio impegno. Lanciando segnali sul mercato invernale e progettando i prossimi colpi quando prenderà il via quello estivo, facendosi trovare presente negli uffici della Lega e puntando ad aumentare il proprio peso specifico se Barone riuscirà a entrare nel Consiglio. 

Senza dimenticare l’investimento massiccio per il centro sportivo che sorgerà a Bagno a Ripoli, o la sponsorizzazione firmata Mediacom che ha portato nelle casse risorse importanti. Fatti che sono seguiti alle parole iniziali di Commisso, che ha strizzato l’occhio all’operazione Ribery pur avviando un’importante campagna di rinnovi per i più giovani, su tutti Castrovilli

La levata di scudi a favore dell’americano, testimoniata dalla pioggia di striscioni a suo favore, è lì a testimoniare una fiducia rimasta intatta nonostante alla ripresa del campionato la squadra debba ancora matematicamente salvarsi, ed è da questo ritrovato patrimonio d’affetto che Commisso può ripartire nelle tante sfide che lo attendono. Sul campo, costruendo una squadra più forte che il prossimo anno possa dare l’assalto all’Europa, e fuori per capire come andrà a finire la vicenda stadio. 

Da qualche minuto la sua Fiorentina sta già festeggiando sui social il primo anno viola, oggi lo faremo anche noi su queste pagine ripercorrendo le tappe della sua prima stagione italiana, poi a partire dalle 15 Commisso parlerà di presente e futuro. C’è da scommettere che la sua voglia di Firenze e di Fiorentina sia destinata a contagiare ancora di più una tifoseria pronta a sostenerlo ancora a lungo