SPONSOR, La svolta che fa sorridere i viola

15.08.2019 12:00 di Pietro Lazzerini Twitter:    Vedi letture
SPONSOR, La svolta che fa sorridere i viola

"Rafforzare il legame con gli Stati Uniti e investire su Firenze". Poche parole rilasciate una settimana fa da Joe Barone per spiegare il motivo per cui, sulle maglie della Fiorentina della prossima stagione, campeggerà sul petto la scritta "Mediacom". L'ennesima svolta rispetto al passato, l'ennesima mossa che ha riscontrato subito il favore di tutta la città. Commisso continua a sbagliare pochissimo sotto il profilo della comunicazione e, in questo caso, sbaglia poco anche nel cercare di far tornare i conti e rilanciare una squadra dopo anni di mediocrità. 

Cosa significa mettere quel nome sulle maglie da gara? Semplice: la possibilità di concedere altro "fondo spese" per il mercato e per la gestione della squadra. Non è ufficiale la cifra che il club incasserà da questa decisione, ma non sarà meno di 5 milioni di euro. A qualcuno sembreranno pochi, ma in realtà la vera differenza rispetto al passato non è la quantità, ma il gesto. 

I Della Valle hanno sempre evitato di inserire il nome della loro società sulle maglie, lasciando, nel corso dei 17 anni di proprietà, la maglia spesso senza alcuno sponsor nonostante il grande bisogno della società anche in chiave crescita economica. Un altro motivo di frizione con l'ambiente fiorentino, che ovviamente, come da tradizione, sa di poter veicolo di interesse nel mondo e che dunque non si è mai spiegato il motivo di questa decisione degli ex proprietari. 

Commisso ha tutta l'intenzione di far crescere il club nel minor tempo possibile, usufruendo dei milioni a sua disposizione come delle sue conoscenze a livello mediatico e comunicativo. Svolte nella svolta che fanno sorridere e ben sperare e che, in grande o in piccolo poco importa, aiuteranno i viola a crescere più velocemente.