BELOTTI IN, MINA OUT: IL MONTE INGAGGI (NETTO) DELLA FIORENTINA

29.02.2024 16:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:    vedi letture
Fonte: Ha collaborato Dimitri Conti
BELOTTI IN, MINA OUT: IL MONTE INGAGGI (NETTO) DELLA FIORENTINA
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca 2024 @fdlcom

La sessione di gennaio ha alleggerito un po' il monte ingaggi netto della Fiorentina dopo l'arrivo (in prestito, ma con l'ingaggio da pagare fino a giugno) di Andrea Belotti e Davide Faraoni, e soprattutto l'addio di Mina e Brekalo, con il croato che tornerà comunque alla base a luglio e il cui ingaggio viene pagato anche dalla Fiorentina durante il suo prestito all'Hajduk Spalato. È quanto emerge analizzando gli stipendi che vede la società viola uscire dalle sette sorelle con un monte ingaggi al netto della tassazione di 31,36 milioni annui e piazzarsi all'ottavo posto in Serie A dopo l'Atalanta salita a 33,80.

I "paperoni" viola.
Il più pagato della rosa resta Nikola Milenkovic con oltre 3 milioni a stagione, anche dopo il rinnovo dell’estate scorsa di Nico Gonzalez che è il secondo di questa speciale classifica con i bonus che lo fanno partire da 2,5 milioni netti a salire. Poi il resto del gruppo, alleggerito degli stipendi da 1,5 milioni di Mina e Brekalo con l'arrivo di Belotti, a cui la società pagherà la metà dello stipendio alla Roma, e di Faraoni che però prende "solo" 400mila euro. Da Biraghi a Dodo, passando per Beltran e Nzola, arrivando anche a casi più “spinosi” e di più complessa risoluzione come quelli di Bonaventura e Castrovilli, ci sono ben dodici giocatori in un intervallo di 400mila euro netti da 1,6 milioni a 1,2. 

Il caso Arthur.
Caso specifico quello di Arthur Melo, a cui la Fiorentina versa una cifra "simbolica" a fronte dello stipendio da paperone concordato dal giocatore con la Juventus. La sua situazione andrà valutata soprattutto guardando al futuro e nello specifico già alla prossima stagione, visto che senza un accordo sull'ingaggio, come sottolineato a più riprese dallo stesso agente del giocatore, le parti sono destinate a dirsi addio.

Va segnalato una volta di più come in questa analisi si tenga conto solamente della spesa per gli stipendi al netto per l'attuale prima squadra. Per la spesa effettiva e finale al lordo va applicata la tassazione di riferimento, a seconda se il calciatore in esame rientri o meno nei paletti del Decreto Crescita. Fuori dal conteggio per le società cedenti quei giocatori allocati altrove ma ancora a carico (come per esempio Arthur).

FIORENTINA = 31,36 MILIONI DI EURO NETTI
Milenkovic 3,3 (2027)
N. Gonzalez 2,5 (2028)
Biraghi 1,6 (2025)
Castrovilli 1,6 (2024)
Dodo 1,6 (2027)
Duncan 1,6 (2024)
Beltran 1,5 (2028)
Ikone 1,5 (2026)
Bonaventura 1,5 (2024)
Nzola 1,5 (2027)
Barak 1,4 (2027)
Kouame 1,4 (2024)
Mandragora 1,3 (2026)
Martinez Quarta 1,3 (2025)
Parisi 1,2 (2028)
Sottil 1,1 (2026)
Belotti 1 (2024)
Lopez 0,9 (2024)
Christensen 0,8 (2028)
Ranieri 0,8 (2026)
P. Terracciano 0,7 (2025)
Faraoni 0,4 (2024)
Infantino 0,4 (2028)
Kayode 0,3 (2028)
Arthur 0,06 (2024)
Martinelli 0,04 (2026)
Comuzzo 0,03 (2025)
Vannucchi 0,03 (2025)