ARBITRI, Gussoni difende Collina

06.07.2007 07:05 di  Redazione FV   vedi letture
Fonte: Il Tirreno

Domenico Messina non fa più parte della squadra degli arbitri. È questo il nome di punta tra i cinque direttori di gara dismessi al termine della stagione appena conclusa, e tra i quali c’è anche a titolo definitivo Massimo De Santis, sospeso da tempo per i fatti di Calciopoli: lo ha annunciato il presidente dell’Aia Cesare Gussoni, durante il consueto incontro di luglio per definire la rosa del prossimo campionato. Messina è stato dismesso su sua domanda, mentre la decisione su De Santis è la conseguenza del processo di Calciopoli. Gli altri tre direttori di gara che escono dagli organici sono Iannone, Lena e Zanzi.

Sei invece i promossi: Cavarretta, Pinzani, Russo, Scoditti, Tommasi e Valeri.
 «Abbiamo insistito molto per far rientrare Messina nei ranghi, ma non c’è stato nulla da fare», ha detto Gussoni. «Messina lascia per motivi di lavoro, è un funzionario di banca e vuole intraprendere la carriera bancaria, la sua decisione non ha nulla a che fare con i problemi provenienti da Napoli (riferimento all’inchiesta su “calciopoli bis”, ndr). Farina, invece preferisce continuare ancora un anno».
 Poi Gussoni ha difeso Collina: «Ogni componente deve pensare a sè e non agli altri, queste prese di posizione dimostrano una volta di più che l’autonomia amministrativa concessa all’Aia e quella tecnica non possono essere tali se non c’è anche quella finanziaria».