MORABITO A FV, CHIESA ANDRÀ ALLA JUVENTUS. NON MI PIACE L'ATTEGGIAMENTO DI COMMISSO

25.07.2019 16:45 di Niccolò Santi Twitter:    Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
MORABITO A FV, CHIESA ANDRÀ ALLA JUVENTUS. NON MI PIACE L'ATTEGGIAMENTO DI COMMISSO

Negli ultimi giorni si è accesa la vicenda relativa al futuro di Federico Chiesa. FirenzeViola.it ne ha parlato in esclusiva con Vincenzo Morabito, noto intermediario di mercato.

Morabito, che idea si è fatto sulla questione Chiesa?
"Andrà alla Juve, è inevitabile. La nuova proprietà si è trovata davanti un giocatore che già lo scorso anno voleva partire e aveva accettato di restare, ma ora, avendo oltretutto la Juventus che lo vuole a tutti i costi, Chiesa spinge chiaramente per andare via. Non si può trattenere un ragazzo contro la sua volontà: Commisso deve spiegare ai tifosi che non sono sue le colpe, anzi, è l'attaccante che deve dichiarare alla piazza di voler andare via. Io credo che la questione di chiuderà in 10-15 giorni"

E quindi a suo avviso la proprietà sbaglia a insistere.
"Certo, non mi piace l'atteggiamento di Commisso. Voglio dire, ma di chi stiamo parlando? A Firenze sono passati calciatori come Baggio, Batistuta, e ora il fenomeno è Chiesa? Io dico che il calcio ha preso una china molto sbagliata, bisognerebbe riconoscere che i giocatori sono sempre più sopravvalutati".

Mentre il ritardo sul mercato in entrata deve far preoccupare?
"Esprimo la massima solidarietà a un bravissimo direttore sportivo come Pradè, il quale si è ritrovato nelle macerie causate da chi c'era prima. Non tanto dai Della Valle, che non avevano potere sul mercato, quanto da certi dirigenti che hanno fatto operazioni controproducenti. Situazioni nelle quali sfortunatamente mi sono trovato anche io, a suo tempo. Quindi il mercato non decolla perché è necessario sfoltire la rosa, in più c'è un allenatore che non si accontenta e continua a chiedere giocatori, vedi Lirola che a certi prezzi non potrà mai arrivare. Per non parlare del parco attaccanti, davvero avvilente".

Lei che mosse opererebbe per il reparto offensivo?
"Non si può continuare ad investire solo sui giovani, serve un attaccante che abbia un discreto curriculum. Che sia esperto, che venga da diverse stagioni in doppia cifra, parlo di uno di 29-30-31 anni. Balotelli? Non scherziamo, ci vuole gente seria, e in Italia non ce n'è. Bisogna andare a pescarli all'estero certi giocatori".