MORABITO A FV, Attacco? Giroud. Bonaventura...

10.09.2020 10:00 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
© foto di Imago/Image Sport
MORABITO A FV, Attacco? Giroud. Bonaventura...

Sono giorni chiave per la Fiorentina quelli che stanno trascorrendo nel mese di settembre con il mercato che sta entrando nel vivo. Sono tanti gli obiettivi che ha la società gigliata, ma non tutti potranno essere centrati. Per approfondire alcune tematiche, FirenzeViola.it ha contattato, in esclusiva, l'agente ed intermediario di mercato, Vincenzo Morabito.

Cosa ne pensa dell'arrivo di Bonaventura in Toscana?
"Sono un po' perplesso perché è un giocatore che ha dato, ma negli ultimi tempi non ha più dimostrato quella freschezza a livello tecnico e agonistico. Non ho visto molti riscontri positivi su di lui. C'è sempre il dubbio sui parametri zeri che magari vengano per farsi la pensione. Anche le prestazioni di Ribery l'anno scorso le conto sulle dita delle mani".

E' favorevole all'eventuale acquisto di Torreira?
"A me piace, è un buon giocatore, bisogna vedere i costi. Non si riesce a capire la struttura, la dimensione di questa squadra e mi sembra non sia protagonista né sul mercato né sul terreno di gioco. C'è un evidente calo di soldi dovuto al Covid, ma quando tanti giocatori sono in uscita i club che possono spendere si trovano in difficoltà a fare le scelte. La Fiorentina deve fare molto e in modo che si capisca".

Borja è solo un'idea romantica oppure potrebbe tornare utile?
"I giocatori che tornano non mi convincono, non riprenderei nemmeno Bernardeschi. Se poi uno pensa di rivedere quello che è andato via scordiamocelo, se si fa un discorso di spogliatoio invece... In ogni caso non mi entusiasma. Fare una squadra giovane avrebbe senso, farla di vecchietti, ma in grado di centrare la qualificazione in Europa League o di vincere Coppa Italia pure, ma così i viola sono nel limbo. Come club avrei fatto un piano di giovani per valorizzare il settore giovanile come quando c'era Vergine".

Quale futuro sarà riservato invece a Chiesa?
"Un altro di quelli colpito dal Covid: adesso non girano quelle cifre. La media è 20-30 milioni, i 100 difficilmente li rivedremo e forse è giusto così. Per me rimane: all'estero non ha mercato, l'Inter non compra niente, la Juve fa fatica a prendere il centravanti, la Roma è in mezzo alla strada... Rendiamoci conto che la realtà è molto diversa da quella di un anno fa. Lo avrei venduto con il senno di poi la scorsa estare, ma rimanere a Firenze deve essere uno stimolo, un onore. Lui deve diventare leader e può essere la rivelazione".

Tante idee per l'attacco tra cui Milik e Piatek. Chi la convince maggiormente?
"Milik non se ne parla proprio, è un furbacchione e si è già sistemato a parametro zero da qualche parte. Non va alla Fiorentina, chiede 6 milioni netti all'anno, ha rifiutato il Newcastle. Piatek sono perplesso: Genoa, Milan, Hertha, adesso si rimuove... Visto che vengono presi giocatori in là con l'età avrei pensato a Giroud che è un signor centravanti, la Roma lo ha chiesto, ma lui ha risposto picche. Potrebbero provarci, sarebbe un bel colpo anche a livello mediatico".