CONDÒ A FV, BONAVENTURA AGGIUNGE ESPERIENZA. NON SPENDEREI PER TORREIRA

09.09.2020 10:30 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
CONDÒ A FV, BONAVENTURA AGGIUNGE ESPERIENZA. NON SPENDEREI PER TORREIRA

Ogni giorno che passa manca sempre meno all'inizio del campionato di Serie A per la Fiorentina e non solo. Sembra una banalità, ma tra poco più di 10 giorni la squadra di Iachini tornerà di nuovo in campo e quindi anche sul mercato la dirigenza gigliata sta cercando di accelerare. FirenzeViola.it ha contattato, in esclusiva,  per approfondire alcuni possibili arrivi nel club di Commisso.

Bonaventura sarà il primo rinforzo a centrocampo dopo Amrabat. La convince questo acquisto?
"Si tratta di un ottimo acquisto perché la Fiorentina ha diversi giovani come Castrovilli e Chiesa, ma deve aggiungere esperienza. Ha bisogno di queste caratteristiche e lui le ha. Infine non costa niente visto che è un parametro zero".

Altro profilo nel mirino dei viola è Torreira, per il quale però è sfida aperta con il Torino. Vale la pena fare un sacrificio per provare a prenderlo?
"Torreira è molto bravo, ma se hanno preso Amrabat danno a lui le chiavi del centrocampo. Un giocatore dell'Arsenal non costa poco, non andrei a spendere lì i miei soldi, ma da qualche altra parte".

L'ultima idea è un clamoroso ritorno di Borja Valero. Potrebbe tornare utile a Iachini?
"Dipende dai patti che tu fai prima con lui. Si parla di un giocatore che è stato stato di qualità superiore per la Serie A, ma adesso ha un dinamismo per questioni di età limitato. Se lui è disposto a venire a giocare per quando ce ne è necessità allora è anche un'ottima persona, se invece vuole giocare molte partite no".

Anche davanti c'è grande movimento. Come gestirebbe le uscite in casa viola?
"Sono convinto che Vlahovic abbia grande qualità, ma che magari manderei a giocare in A, neanche all'estero, lo voglio avere sotto controllo tutte le settimane: avrebbe senso prestarlo ad un club. Cutrone è giovane, è un buon attaccante, non ha il talento di base di Vlahovic, ma bisogna vedere in base al mercato cosa farne. Lui deve giocare e se vai a comprare un top finisce per farlo poco e non conviene a nessuno".

In entrata invece tra Piatek o Milik chi sceglierebbe se potesse farlo?
"Senz'altro Milik. Quando è stato bene mi sembra abbia dimensioni di qualità superiori a Piatek. Sono rimasto impressionato da come quest'ultimo sia stato una meteora e sia sparito dai radar. Milik ha avuto momenti di grande capacità realizzativa, ma non ha mai avuto momenti nei quali non la vedeva. Mi fido di più".