NOVEMBRE-DICEMBRE, 2013 chiuso in bellezza

01.01.2014 18:00 di Daniel Uccellieri Twitter:    vedi letture
NOVEMBRE-DICEMBRE, 2013 chiuso in bellezza
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

Lo straordinario 2013 della Fiorentina si chiude nel migliore dei modi, con la Fiorentina che torna prepotentemente in corsa per il terzo posto valido per la Champions League. Al termine dell'anno solare infatti, la Fiorentina occupa la quarta piazza con 33 punti, a sole tre lunghezze dal Napoli.

Gli ultimi due mesi dell'anno, salvo rare eccezioni, sono da incorniaciare. Il novembre viola infatti inizia con la fantastica vittoria (la terza in tre anni) sul campo del Milan. Senza Gomez e senza Cuadrado, squalificato dopo l'assurda espulsione subita con il Napoli, la Fiorentina sbanca San Siro grazie alle reti del redivivo Vargas e di Borja Valero. Otto giorni più tardi, uno straordinario Giuseppe Rossi, sempre pià capocannoniere della serie A, stende la Sampdoria al Franchi: 2-1 il punteggio finale, con la rete di Gabbiadini nel finale utile solo per il fantacalcio.

La sosta per la Nazionale storicamente resta indigesta alla Fiorentina, come dimostra infatti la sconfitta subita sul campo dell'Udinese. Basta un gol di Heurtaux a stendere una Fiorentina stanca e svogliata, l'unica nota stonata di un finale d'annata straordinario. Dopo la brutta sconfitta di Udine, la Fiorentina rialza la testa e si impone con il Verona, al termine di una gara bellissima e ricca di gol: 4-3 il punteggio finale, una delle gare più belle viste al Franchi quest'anno. Con la Roma continua la sfortunata tradizione: la Fiorentina gioca benissimo, ma alla fine sono i giallorossi a portare a casa il bottino pieno. La squadra viola chiude poi in bellezza, asfaltando il Bologna e vincendo in casa del Sassuolo grazie ad una rete del solito Pepito Rossi.

In Europa intanto, la Fiorentina conquista primato nel girone (uscendo imbattuta) e qualificazione ai sedicesimi di Europa League, dove i viola affronteranno i danese dell'Esbjerg. Un sorteggio, quello di Nyon, fortunato per i sedicesimi e decisamente sfortunato per gli ottavi, dove potrebbe andare di scena un doppio confronto con i rivali della Juventus.