UVA, Stadio alla Mercafir intelligente. Costi e tempi..

13.01.2020 19:52 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
UVA, Stadio alla Mercafir intelligente. Costi e tempi..

"Firenze ha bisogno di un nuovo stadio, questo è indubbio anche per stare al passo con le altre squadre italiane, ma soprattutto a livello europeo": a dirlo è Michele Uva, ex dg della Federcalcio ed attuale consulente del Comune per gli impianti sportivi, presente questa mattina alla riunione di Commisso e Nardella ed intercettato dalla TGR Toscana. "Lo stadio va fatto, mi sembra che ci sia la volontà forte dell'amministrazione comunale di farlo e di dare tutti i percorsi amministrativi prioritari, però chiaramente bisogna essere in due. La Fiorentina deve capire che stadio fare, dove farlo e quando farlo. È giusto tenere aperte tutte le ipotesi per valutare quella che più confà alle sue aspettative attuali e future. Oggi mi sembra che quella di Mercafir sia la più intelligente, la più futuribile, la più economicamente sostenibile"

"Il costo della perizia - prosegue Uva - calcolando che l'area dello stadio costa 9 milioni e 13 quella commerciale, sono assolutamente compatibili anche rispetto ai prezzi cha hanno pagato altre società italiane, non per la proprietà anche per il diritto di superficie. Questi sono dati pubblici facilmente trovabili... Juventus, Udinese, parlo anche di Atalanta. Per ultimo quando farlo i tempi sono abbastanza certi, la scaletta è stata data. Secondo me se si parte subito in 4 anni, 4 anni e mezzo i fiorentini potrebbero entrare nel nuovo stadio che cambia la vita di una società e di una città. Se preferisco un restyling del Franchi o un nuovo impianto? Tutte e due le ipotesi possono valere - conclude l'ex dirigente Figc -ma chiaramente a volte bisogna mettere da parte il cuore e pensare alla funzionalità, alla sostenibilità economica. Penso che quando i tifosi della Fiorentina entreranno in nuovo stadio, totalmente nuovo, moderno, con i servizi, con il compostaggio, con l'energia rinnovabile capiranno che quello è il futuro".