LIVERANI, Con ACF partita impari. Ecco chi mancherà

14.07.2020 19:46 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
LIVERANI, Con ACF partita impari. Ecco chi mancherà
FirenzeViola.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Alla vigilia della delicata sfida contro la Fiorentina, il tecnico del Lecce Fabio Liverani ha parlato così ai canali ufficiali del club giallorosso: "Avevamo bisogno di prestazioni e punti. Da quando siamo in Serie A non abbiamo fatti punti senza prestazione, sono cose collegate. Dobbiamo fare la partita per portare a casa qualcosa e ultimamente l'abbiamo fatto. C'è un po' di rammarico dopo Cagliari perché potevamo vincere, ma l'abbiamo già messa alle spalle e ci prepariamo a questa battaglia contro la Fiorentina".

Ritrovato il fuoco dentro?
"Dobbiamo alimentare il nostro fuoco ogni giorno da qui al 2 agosto per restare in A. I ragazzi lo sanno e ci mettono tutta la professionalità possibile, anche se è normale che ogni 3 giorni le prestazioni non possano essere sempre le stesse. Prima di morire questi ragazzi daranno il cuore".

Tornati quelli prima del lockdown?
"Vedremo nelle prossime partite. Sarà il campo a valutarlo".

Le prestazioni di Babacar?
"Due partite da titolare di seguito sue non me le ricordo. Ultimamente l'ha fatto con grande spirito di sacrificio, dando una scintilla anche agli altri giocatori. Baba è entrato appieno in questa guerra finale".

Gli assenti?
"Calderoni al 100% sarà fuori per la Viola. Falco lo valutiamo tra stasera e domani: ci prendiamo tutte le ore possibili per valutare. E mancherà anche Rossettini".

Lapadula?
"Potrebbe tornare da un giorno all'altro. Da oggi comincia il lavoro sul campo e se riesce ad aumentare i carichi con il Genoa ci potrebbe essere".

La partita con la Fiorentina?
"Se io torno a luglio 2019 e penso che la Fiorentina deve venire qui a salvarsi rimango un po' così, visti gli investimenti e la rosa. Sicuramente non era nei loro pensieri e ci si ritrovano. A livello di organico è una partita impari, ma già all'andata abbiamo dimostrato che possiamo sopperire alle mancanze. Sulla carta resta una partita impari".

La salvezza?
"Con 18 punti a disposizione fino a 6 punti di distanza è tutto da giocare. Chi sta davanti ha qualche vantaggio, ma non sono tanti".

Turnover?
"Per me questa è la partita più importante. Pensiamo solo a quella".