LAZETIC, DV9? Capimmo subito: era un "mostro"

13.01.2022 12:51 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
LAZETIC, DV9? Capimmo subito: era un "mostro"
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

"Dopo una o due sessioni di allenamento, il nostro allenatore, Ivan Tomic, ha detto: 'Questo ragazzo è un mostro, questo è un giocatore che un giorno varrà 100 milioni di euro', perché ha mostrato un carattere incredibile", racconta Zarko Lazetic, vice allenatore del Partizan all'epoca dell'esordio di Dusan Vlahovic, a Sky Sport (Inghilterra) che in un servizio torna alle origini del giocatore entrato nel mirino dell'Arsenal e definito "mostro del gol ossessionato da Ibrahimovic".  Dusan Vlahovic era un giocatore delle giovanili quando a due mesi dal suo 16esimo compleanno lo staff tecnico del Partizan Belgrado ha deciso che era pronto per una prova con la prima squadra.

Il piano prevedeva che il giovane attaccante prendesse parte all'allenamento in prima squadra per un periodo di alcune settimane, ottenendo un'esposizione preziosa al calcio maschile prima di tornare all'accademia del Partizan per continuare la sua formazione con l'Under 16. Ma il piano cambiò presto: "Ricordo che abbiamo giocato una partita da 10 contro 10. Lo abbiamo messo contro il nostro vice-capitano, Darko Brasanac, che ora gioca nella Liga, e lo ha fatto girare come se fosse già un giocatore della prima squadra. Ha mostrato cose incredibili per un giocatore di 15 anni".
Vlahovic è stato promosso definitivamente nella prima squadra e ha esordito solo poche settimane dopo, diventando il più giovane esordiente del Partizan a 16 anni e 24 giorni.

"Stavamo perdendo 2-0 contro Radnik Surdulica", ricorda Lazetic. "Dusan è entrato nell'intervallo, ha segnato il primo gol e abbiamo vinto 3-2". Vlahovic ha poi segnato di nuovo nella finale di Coppa di Serbia, aiutando il Partizan a battere i rivali Javor 2-0. "A quel punto, tutti sapevano come sarebbe stata la sua carriera", ridacchia Lazetic al telefono.