FIGC, Ecco le misure anti-crisi per il calcio italiano

26.03.2020 19:59 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: FIGC
FIGC, Ecco le misure anti-crisi per il calcio italiano

Si è svolta oggi in videoconferenza la riunione del tavolo di lavoro permanente anticrisi Covid-19 convocata dal presidente della FIGC Gabriele Gravina con i presidenti della Lega di A Paolo Dal Pino, della Lega B Mauro Balata, della Lega Pro Francesco Ghirelli, della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, dell’AIC Damiano Tommasi, dell’AIAC Renzo Ulivieri e dell’AIA Marcello Nicchi.

Il presidente federale, nel riscontrare grande sensibilità e piena disponibilità nel voler affrontare questa emergenza con un approccio di sistema, ha ribadito la sua priorità: operare nell’interesse del calcio italiano nel suo complesso, senza preferenze o agevolazioni per una singola componente.

Messa a punto la relazione sui danni subiti dal mondo del calcio da inviare al CONI, ci si è confrontati sull’opportunità di rappresentare al Governo le richieste urgenti e le proposte a medio termine che, senza chiedere contributi diretti, agevolino provvedimenti legislativi in grado di accelerare lo sviluppo dell’intero settore produttivo calcistico.

Seguendo l’impostazione metodologica adottata dalla FIGC, nel pieno rispetto dell’agenda governativa sull’emergenza, nel documento è stata data priorità alle richieste più impellenti per fronteggiare l’attuale crisi di liquidità: il riconoscimento dello stato di crisi del settore calcistico per cause di forza maggiore; la proroga delle concessioni d’uso di impianti sportivi e la sospensione del pagamento dei canoni di locazione e concessione; il differimento delle scadenze fiscali, contributive e assicurative; l’estensione della cassa integrazione e dei contratti di solidarietà ai lavoratori non sportivi e anche per i lavoratori sportivi di B e C, fino ad un massimo di 50 mila euro lordi.

Una delle proposte più innovative di cui si è discusso, ma che rientrerà nella seconda tranche di proposte da presentare entro il mese di aprile, riguarda la creazione di un Fondo Salva Calcio, per il quale la FIGC destinerà delle risorse ad hoc e che vedrà coinvolti altri protagonisti del mondo del calcio, che funga da sostentamento concreto per finanziare la tenuta in sicurezza e la ripartenza delle Società in crisi di liquidità.

Durante la riunione, il presidente Gravina ha ribadito la necessità di confrontarsi nel breve periodo all’interno della stessa FIGC per dare risposte immediate sui seguenti argomenti: il prolungamento della fine di questa stagione a dopo il 30 giugno; il rinvio del pagamento degli emolumenti fiscali, contributivi e assicurativi (comprese le rateizzazioni e le cartelle degli agenti della riscossione); il riallineamento della scadenza dell’art. 85 delle Noif (adempimenti Covisoc), l’adeguamento degli adempimenti delle Licenze Nazionali (es. fideiussioni e modalità ripianamento carenze patrimoniali) e la rinegoziazione a termine dei contratti sportivi e amministrativi di primo livello.