SEMPLICI A FV, DA TIFOSO VIOLA SPERO CHE CHIESA RIMANGA A FIRENZE. PJACA: SERVE PAZIENZA

14.02.2019 20:00 di Redazione FV Twitter:   articolo letto 3846 volte
SEMPLICI A FV, DA TIFOSO VIOLA SPERO CHE CHIESA RIMANGA A FIRENZE. PJACA: SERVE PAZIENZA

Leonardo Semplici, attuale allenatore della SPAL, prossima avversaria della Fiorentina in campionato, ed anche ex tecnico della Primavera viola, ha così parlato in esclusiva a "Garrisca al Vento!", trasmissione in onda ogni giovedì su RMC Sport, realizzata e curata dalla redazione di FirenzeViola.it

Sulla partita speciale per lui: "Essendo fiorentino è così. Sarà impegnativa per quanto riguarda il nostro cammino ma siamo fiduciosi a proposito delle nostre qualità, per provare a mettere in difficoltà la Fiorentina. Però era impensabile immaginare questi risultati raggiunti negli ultimi anni. Prima siamo tornati in B dopo 23 anni, poi in A dopo 50. Farlo in così breve tempo ci ha proiettati nella storia di città e società. Per noi è motivo di orgoglio e soddisfazione".

Sulla gara di andata: "È stata la nostra peggior partita di quest'anno. Forse quando ci tieni troppo non riesci ad esprimere quanto sai fare... Anche per merito della Fiorentina però la mia squadra non si presentò con la miglior prestazione. Siamo cambiati: il percorso ci ha dato continuità e forza, abbiamo maturato idee migliori rispetto all'andata. Sappiamo quale sia il nostro cammino e per una società con poco budget come il nostro significa cercare di mettere tutte le forze in campo. La Fiorentina ha obiettivi diversi dalla SPAL, ed un passato e un presente importante. Ha avuto qualche battuta a vuoto ma fa parte della crescita di ogni squadra. Sono giovani ma hanno qualità per disputare un finale di stagione importante. Mi auguro che possa andare avanti in Coppa Italia".

Sulla situazione della Fiorentina: "Le prime partite la squadra giocava un bel calcio. Poi ha avuto qualche problematica di crescita, ma sicuramente con l'arrivo di Muriel ha trovato quel giocatore che mancava sotto l'aspetto della finalizzazione. Spero che domenica non sia troppo in forma (ride, ndr)! Però ha completato una rosa già forte, che oggi ha le armi per puntare a qualcosa di importante".

Sulla prestazione di Pjaca nella sfida d'andata e i suoi problemi: "Da fuori è difficile capire certe situazioni. Ha grandi prospettive, è giovane, e magari ci vuole un po' di pazienza. Le qualità per imporsi le ha, poi Pioli e la società sanno come farlo crescere per fargli raggiungere il livello che i tifosi si aspettano".

Su Kurtic: "Il ragazzo sta avendo una maturazione importante, forse ha trovato una piazza in cui ha un appoggio incondizionato e sta riuscendo a tirare fuori prestazioni di livello. Spero che sappia rendersi importante nel prosieguo e nella conclusione di questo campionato".

Su Lazzari: "È salito con me dalla C, guadagnandosi qualcosa di straordinario. Dopo l'Udinese ha avuto problemi alla caviglia ed è stato un po' fermo, ora deve ritrovare la condizione che aveva ad inizio stagione. Per noi è determinante, è uno dei migliori assist-man in Serie A. Ci teniamo molto, e mi auguro che già da domenica possa tornare a dare l'apporto che ci aspettiamo".

Sul futuro: "Io ho il contratto anche per il prossimo anno, e devo molto a questa società e a questa proprietà. Gli sarò sempre grato. Com'è normale che sia, essendo un allenatore partito da lontano ed essendomi guadagnato tutto sul campo, punto ad allenare squadre più importanti. Ma ora sono concentrato solo su una salvezza che sarebbe eccezionale".

Su Chiesa e una sua permanenza: "Me lo auguro, per noi tifosi della Fiorentina. Il ragazzo però ha raggiunto una maturità inaspettata. Forse gli mancava un po' il gol, ma nell'ultimo periodo sta riuscendo ad essere più concreto e determinante. Penso sia pronto per disputare campionati da top, perché partita dopo partita sta dimostrando qualità tecniche e caratteriali. Ci vuole quella personalità per raggiungere certi livelli".