NONNO SOTTIL A FV: "IL DITO UNO SFOGO MA I TIFOSI LO AIUTINO"

04.12.2023 19:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:    vedi letture
NONNO SOTTIL A FV: "IL DITO UNO SFOGO MA I TIFOSI LO AIUTINO"
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca 2023 @fdlcom

Claudio Sottil a Radio Firenze Viola

Claudio Sottil, padre del tecnico ed ex viola Andrea nonché nonno di Riccardo Sottil, ha parlato in esclusiva a FirenzeViola.it del nipote: "Per lui essere tornato al gol è una grossa soddisfazione e aggiungo che ha delle doti non ancora conosciute. Ha avuto un infortunio importante alla schiena, a me dispiacciono le molte critiche dei tifosi. Da intenditore di calcio non si può sempre criticare un ragazzo tra l'altro con delle parole pesanti, poi qualunque giocatore può avere un limite ma mica è colpa sua. Se trova continuità secondo me Riccardo farà vedere cose ancora non viste. Sta patendo le critiche, entra in campo sempre con la paura di sbagliare".

Il gol può essere un modo per sbloccarsi?
"Certo, se giocherà titolare in Coppa Italia penso dia ancora di più. La fiducia del mister è importante, mentre quando gioca dieci minuti e poi viene sostiuito si fa un esame di coscienza sul motivo...".

Ha mai pensato di lasciare Firenze?
"Non lo so, lui dice che sta bene. Io a volte leggo sui siti le opinioni, che ci stanno ma con determinate parole. Mentre altre cose sono pesanti per un ragazzi... Quello del dito alla bocca è uno sfogo, è una cosa normale anche considerando l'adrenalina. Ha pure chiesto scusa... Il pubblico più aiuta e meglio è".

Come ha festeggiato il gol del nipote?
"Io ho goduto, ha fatto una buona partita e mi è piaciuto. Riccardo ha questi colpi, è uno che tecnicamente è bravo. Se uno arriva a giocare in Serie A è perché ha qualcosa, poi non possono essere tutti Maradona o Van Basten".

È arrivato ora il momento della maturità?
"Per me doveva arrivare già un paio d'anni prima, però non giocando con conitnuità non ne ha avuto modo. Devi poter sbagliare, altrimenti la maturazione diventa più lunga. Ma non è una critica al mister, perché solo lui sa chi è più in forma nell'arco della settimana".

Secondo lei Italiano dà fiducia a Sottil?
"Sì, è un allenatore intelligente e poi in quanto giovane capisce determinate cose. Lo sta aspettando e ieri infatti è arrivata una buona prestazione. Io ringrazio la Fiorentina e tutto lo staff che lo sta aspettando".