GENTILE A RFV: "MOENA ESPERIENZA BELLISSIMA. VOGLIO ANDARE AL MONDIALE U20"

08.08.2022 16:00 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
GENTILE A RFV: "MOENA ESPERIENZA BELLISSIMA. VOGLIO ANDARE AL MONDIALE U20"
FirenzeViola.it
© foto di Giacomo Morini

Davide Gentile, giocatore della Fiorentina passato ora in prestito alla Pro Vercelli, è stato intercettato ai microfoni di Radio FirenzeViola. Sono stati tanti i temi toccati dal classe 2003, dai successi in Primavera al ritiro di Moena. Queste le sue dichiarazioni: "Sto bene, sono carico. Cominciare con la Fiorentina mi ha fatto crescere molto, non vedo l’ora inizi il campionato con la Pro Vercelli". 

Come mai la scelta di Vercelli? 
"Ho preferito andare a giocare subito con i grandi che restare da fuori quota in Primavera. Anche Corradini, che era già stato qui, mi ha consigliato questa piazza. Penso sia stata una bella scelta, posso fare bene. Sono stato due anni a Firenze, di cui il primo in convitto. Anche Vercelli è una bella città e sono convinto mi troverò bene. Non vedo l’ora di iniziare". 

Quali sono gli obiettivi per l’anno prossimo? 
"I miei obiettivi sono quelli di giocare il più possibile, fare bene e andare al Mondiale under 20". 

Cosa dà giocare con le prime squadre? 
"I grandi hanno esperienza, quel qualcosa in più che non c’è nei giovani. L'intensità è alta, posso solo che imparare da loro".  

Com'è stato il ritiro di Moena?  
"Una grande esperienza. Stare con certi giocatori, che hanno fatto grandi cose, ti fa crescere anche solo a guardarli. Tra quelli che mi hanno impressionato di più c’è Nicolas Gonzalez, che quando ti punta è micidiale. Ma anche Bonaventura". 

Invece quello da cui hai imparato maggiormente? 
"Lollo (Venuti, ndr), che ho conosciuto a Benevento. È stato poi l’unico che ho visto in ritiro, perché quando è arrivato Dodô io ero venuto via". 

A proposito del brasiliano, che giocatore è? 
"Dodô per me è un top, sia tecnicamente che in tutto il resto. La Fiorentina ha fatto un grande acquisto". 

Mentre a livello di idoli personali? 
"A me è sempre piaciuto Di Lorenzo, mi rivedo molto in lui. Perché sa giocare su entrambe le fasce". 

Quanto è stato importante mister Aquilani?  
"È stato top: mi ha dato tantissimo. Poi avendo giocato in Serie A ad alti livelli ci ha trasmesso a sotto l'aspetto umano qualcosa che non tutti possono dare. Ci diceva sempre che l’unico metodo per vincere è lavorare. Il rapporto tra noi era ottimo, poi la società ci ha sempre sostenuto e dato fiducia".  

Due parole sull'ex compagno di squadra Favasuli?  
"Sempre avuto un bel rapporto con lui. È un grande giocatore e una grande persona, gli auguro sempre di fare bene". 

Un augurio per la stagione prossima? 
"Spero di poter giocare alla Fiorentina in prima squadra. Quello è il mio sogno, ma si vedrà più in là, ora è il momento di pensare a far bene a Vercelli e andare al Mondiale".