CARRERA A FV, KOKORIN MI PIACE MOLTO ED HA QUALITÀ. PUÒ GIOCARE CON VLAHOVIC

21.01.2021 13:00 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
CARRERA A FV, KOKORIN MI PIACE MOLTO ED HA QUALITÀ. PUÒ GIOCARE CON VLAHOVIC
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

Più passa il tempo e più Aleksandr Kokorin pare essere vicino alla Fiorentina. L'attaccante dello Spartak Mosca ha un trascorso privato turbolento che ha inevitabilmente influenzato anche la sua carriera da calciatore, ma per conoscerlo in maniera più dettagliata FirenzeViola.it ha contattato, in esclusiva, Massimo Carrera, allenatore proprio dello Spartak Mosca dal 2016 al 2018.

Avendo allenato in Russia avrà sicuramente incrociato e visionato Kokorin. Di che giocatore si tratta?
"Sì, ci ho giocato contro qualche volta pur non avendolo mai avuto nella mia rosa. A me è sempre sembrato un buon giocatore con delle ottime qualità tecniche e fisiche. Penso che possa far bene anche in Serie A in una squadra come la Fiorentina di Prandelli".

Quale è la sua posizione ideale sul terreno di gioco?
"Sono passati un po' di anni, ma lo ricordo ancora perché, ripeto, mi ha sempre impressionato e colpito come calciatore. Mi piace molto proprio perché ha anche diverse attitudini ed infatti può essere impiegato da prima punta come centravanti classico, ma può anche giocare dietro alla stessa".

E' un calciatore che lei valuta alternativo a Vlahovic oppure complementare?
"Uno degli aspetti fondamentali del mio calcio ed è una cosa nella quale io credo profondamente è che tutti i giocatori possano coesistere. L'importante è trovare l'alchimia giusta per far rendere ognuno al massimo e metterli nelle condizioni ideali per esprimersi. Poi sta a loro mettersi a disposizione della squadra".

 Crede che sia pronto per giocare in un club come la Fiorentina dopo una carriera solo in Russia?
"Il mio parere come spiegato è che sia un buon calciatore, ma quello che vorrei sottolineare è che ha fatto parte anche della Nazionale ed ha quindi giocato e segnato rappresentando la Russia. Dopo aver detto questo penso che non ci siano più dubbi".

Sarà necessario un periodo di adattamento alla lingua e al calcio italiano?
"La lingua non penso che possa influenzare più di tanto, ma sicuramente il calcio in Russia è diverso da quello che si gioca in Italia dove è estremamente più tattico. Kokorin ha qualità ed è performante, ma dovrà essere bravo sicuramente a calarsi in un ambiente nuovo e in una realtà diversa".