VLAHOVIC E BONAVENTURA OK, MALE RIBERY E LA DIFESA

02.05.2021 16:57 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
VLAHOVIC E BONAVENTURA OK, MALE RIBERY E LA DIFESA
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

DRAGOWSKI - Facile il primo intervento sul tentativo da fuori di Soriano, ha la meglio più tardi in uscita su Orsolini. Battuto da Palacio si riscatta poco dopo su Barrow evitando il raddoppio del Bologna. Poche colpe sul secondo pareggio ancora di Palacio, idem sul 3-3 finale, 6

MILENKOVIC - Beffato dal tocco centrale di Vignato sul pareggio bolognese più tardi ancora un taglio di Vignato lo supera. Si fa ammonire nella seconda metà della ripresa, infine tiene in gioco Palacio sul terzo gol. Incerto, 5,5

PEZZELLA - Bene sulle palle alte nella prima mezz’ora di gioco anche se non sfrutta a dovere un corner favorevole. Come il compagno di reparto anche lui è sorpreso in occasione del gol del Bologna e soprattutto perde Palacio sul secondo pareggio. Conferma la stagione no, 5

CACERES - Qualche incertezza in un primo tempo in cui tiene d’occhio soprattutto Orsolini, nella ripresa finisce a terra in area dopo un contatto non sanzionato con De Silvestri. Anche lui osserva Palacio battere Dragowski per la terza volta, 5

VENUTI - Attento in chiusura su Palacio dopo una decina di minuti non fa invece a tempo a chiudere su Palacio sul gol del pari. Rischia qualcosa su Vignato nella prima occasione del Bologna nella ripresa ma sfodera un grande assist per il vantaggio di Bonaventura, 6

BONAVENTURA - Gran giocata sulla linea di fondo intorno alla mezz’ora, non segue invece Vignato quando manda in rete Palacio. Chiude il primo tempo con un bel destro da fuori che finisce alto di poco poi si fa trovare presente all’appuntamento con il gol sul bel cross di Venuti. Garanzia di qualità, 7

Dal 37’st CASTROVILLI - S.v.

PULGAR - Si fa sentire nelle prime battute di gioco con qualche break prezioso come quello su Vignato, poi sul suo tiro da fuori Soumaoro ci mette la mano regalando il rigore. Tiene però in gioco Palacio sul gol dell’uno a uno e di lì a poco gli scappa anche Barrow. Concede a Vignato il tempo di calibrare l’assist per il due a due di Palacio ma da corner pesca Vlahovic per il nuovo vantaggio. Più luci che ombre, 6,5

AMRABAT - Poco appariscente in un primo tempo in cui il centrocampo non sembra aiutare il reparto arretrato. Va meglio nella seconda frazione quando gli viene concesso anche più spazio seppure non sia sui livelli del match con la Juve, 6

BIRAGHI - Non precisissimo nei primi cross trova un buon inserimento su invito di Venuti intorno al quarto d’ora. Resta di fatto l’unico e anche in fase difensiva la solita sofferenza, 5,5

Dal 22’st IGOR - Fa sentire la forza fisica rimediando il giallo su Skov Olsen e confermando una certa difficoltà, 5,5

RIBERY - Qualche tentativo isolato sulla sinistra poi sul finire di primo tempo viene colpito duro da Svanberg. Stringe i denti e torna in campo dopo l’intervallo ma senza riuscire quasi mai a incidere, 5

Dal 31’st KOUAME - Ha poco tempo e non mette a frutto un buon contropiede che potrebbe gestire diversamente. Va meglio con un invito, di tacco, per Vlahovic ma è il solito impatto troppo leggero, 5,5

VLAHOVIC - In avvio si fa apprezzare per come difende il pallone nel duello con Soumaoro, dal dischetto dopo 20 minuti conferma la freddezza del rigorista infallibile, sono sei su sei. Si conferma nella ripresa facendosi trovare nel posto giusto sull’errore di Skorupski e portando nuovamente avanti i suoi. Nel finale pecca un po’ di egoismo non servendo Kouame, ma resta un’altra prestazione sopra le righe, 7,5

IACHINI - Rilancia Biraghi a sinistra e risparmia l’acciaccato Castrovilli dl 1’ visto il ritorno di Bonaventura in mezzo. Grazie al rigore i suoi segnano un gol meritato ma la difesa non è di nuovo impeccabile nel concedere il pareggio a Palacio. Anche se soffrendo l’avvio di ripresa i suoi tornano avanti grazie a Bonaventura, poi tocca a Igor al posto di Biraghi. Dopo il nuovo pari di Palacio, e il secondo gol di Vlahovic, toglie Ribery e inserisce Kouame ma è ancora la linea difensiva a tradirlo nell’occasione del 3-3. Il pari del Cagliari, e una squadra che non sa difendere il vantaggio, restano le ombre di una domenica che poteva essere più positiva, 6