UN PRIMO TEMPO DA BIG, POI IL CALO. VIOLA, RIPARTI DA QUI

22.09.2021 09:57 di Alessio Del Lungo   vedi letture
UN PRIMO TEMPO DA BIG, POI IL CALO. VIOLA, RIPARTI DA QUI
FirenzeViola.it
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

La sconfitta della Fiorentina contro l'Inter lascia in eredità la consapevolezza che la squadra di Italiano debba ancora crescere molto, ma anche la certezza che di passi in avanti rispetto alla scorsa stagione ne sono stati fatti tanti. Quello che i tifosi hanno sempre chiesto alla società è di allestire una rosa competitiva, ma soprattutto divertente, che non molli niente in campo e che sia in grado di far divertire il pubblico del Franchi attraverso il bel gioco e il coraggio. Finalmente sembra che Commisso e i suoi dirigenti siano riusciti pienamente nel compito perché, se è vero che nelle sfide contro Roma e Inter sono stati incassati 6 gol e segnati soltanto 2, è altrettanto evidente come sia i giallorossi che i nerazzurri siano stati messi in grandissima difficoltà dalla Fiorentina.

Italiano prepara le partite senza paura dell'avversario, sa benissimo che mantenendo ritmi alti, pressando forte e non indietreggiando si correranno meno rischi che portandosi gli uomini in area di rigore e ieri ne è stata l'ennesima dimostrazione. Il lavoro del tecnico gigliato è finora sorprendente anche e soprattutto nella rivalutazione di qualche calciatore come per esempio Duncan, ma anche Saponara che a Genova ha trovato un gol tanto spettacolare quanto importante. Tornare a dare fiducia a chi l'aveva persa è il primo passo di un percorso che sarà portato a compimento solo più avanti con il passare del tempo. La Fiorentina deve ripartire dai primi 45 minuti di ieri sera, dalla prova arrembante e dominante del primo tempo, quando i campioni d'Italia in carica erano disorientati e frastornati da una superiorità talmente netta da essere a tratti imbarazzante. Da lì poi andranno acquisite maturità e abilità nella gestione delle forze, ma la strada intrapresa è quella giusta.