IL 3-0 A TAVOLINO DI UDINE E LE PROSPETTIVE VIOLA, REBUS RECUPERI

18.01.2022 20:00 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
IL 3-0 A TAVOLINO DI UDINE E LE PROSPETTIVE VIOLA, REBUS RECUPERI
FirenzeViola.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Sostanzialmente un atto dovuto quello del Giudice Sportivo Mastrandrea che con il comunicato di qualche ora fa ha decretato il 3-0 a tavolino per l’Udinese in occasione della gara contro la Salernitana non disputata il 21 dicembre scorso (i campani furono bloccati dall’Asl per più positività nel gruppo). Una decisione, quella di confermare i risultati a tavolino, che dunque potrebbe riguardare anche le altre tre gare non giocate nel turno successivo, inclusa Fiorentina-Udinese.

In tal senso il precedente che andrà tenuto in considerazione per capire come si potrà arrivare ai recuperi (intenzione espressa a più riprese dalla Lega stessa) è quello di Juventus-Napoli della scorsa stagione, in cui il successivo grado di giudizio, la Corte d’Appello Federale, confermò il 3-0 salvo veder tutto ribaltato dal Collegio di Garanzia del CONI, terzo grado decisionale, che accolse il ricorso dei partenopei decidendo per il recupero.

Dunque esclusa la sfida non giocata tra Bologna e Inter lo scorso 6 gennaio (resa più complicata dalla decisione del TAR di non ribaltare il provvedimento dell’ASL che aveva bloccato i rossoblu) oltre Fiorentina-Udinese anche Atalanta-Torino e Salernitana-Venezia potrebbero ricevere identico verdetto salvo dover poi attendere gli eventuali ricorsi dei tre club impossibilitati a scendere in campo (Udinese, Torino e Salernitana visto che il Venezia si presentò regolarmente).

In attesa che il giudice sportivo si esprima  il prossimo 21 gennaio sulle gare in questione, relative alla prima giornata del girone di ritorno e il cui risultato a oggi resta sub-iudice, non resta dunque che attendere i prossimi passi ufficiali da parte dei club, con la sensazione che al netto del percorso da intraprendere la data dei recuperi, e quindi anche di Fiorentina-Udinese, è destinata come minimo a slittare nel tempo.