IL 2010 VIOLA, Settembre-Ottobre

Continua lo speciale di Firenzeviola.it sul 2010 della Fiorentina


25.12.2010 20:00 di Paolo Bocchi   Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
IL 2010 VIOLA, Settembre-Ottobre

SETTEMBRE: Con la chiusura del mercato si fanno i primi bilanci e iniziano le perplessità su acquisti fatti e mancati. Arrivano le prime conferme dell'interesse per Nastasic. Scoppia il caso Montolivo: il capitano prende tempo per il rinnovo del contratto. In campionato la Fiorentina perde male a Lecce 1-0 mostrando poca cattiveria tanto da far dichiarare a Mihajlovic nel dopo partita: "Ci è mancata la cattiveria, devo trasmettere il mio carattere a questa squadra, se serve anche a forza di calci nel culo i giocatori impareranno…". Sfortunatamente lo sfogo dell'allenatore non sortisce l'effetto sperato. Nel frattempo Mutu continua a fare notizia per la richiesta della società viola di riduzione dello stipendio, ma la sentenza tarda ad arrivare. Il 18 arriva la Lazio che sbanca il Franchi 2-1 squadra contestata dai tifosi. Primi scricchiolii per la panchina di Mihajlovic ma Corvino assicura che la squadra è tutta col tecnico serbo. Dopo una settimana di buoni propositi la Fiorentina fa visita al Genoa e, dopo essere passata in vantaggio, riesce a portare via un sudatissimo pareggio grazie soprattutto a Frey. Il "brodino" di Genova sembra aver fatto bene alla squadra viola che una settimana dopo batte il Parma per 2-0 al Franchi. Nel frattempo aumentano i problemi alla caviglia di Montolivo e si inizia a parlare di operazione. Il 29 ci lascia Bruno Giorgi, ex-allenatore viola alla fine degli anni '80.

OTTOBRE:Il Mese di ottobre si apre con un'altra sconfitta interna; stavolta è il Palermo che si impone per 2-1 dopo che Ljajic fallisce il rigore del possibile pareggio. A Firenze si inizia a parlare di crisi. Nel frattempo si continua a discutere di Cittadella ma sembra sempre più evidente che il progetto si è arenato, con le istituzioni politiche che si rimbalzano la responsabilità. Scoppia il caso Zanetti. Il 9 arriva una dichiarazione bomba di ADV:"La Cittadella per noi è un capitolo chiuso". Fra i tifosi scoppia il caos; si teme un disimpegno dei Della Valle. Il 17 si ritorna in campo, a Marassi contro la Samp, ma la Fiorentina, dopo un buon primo tempo chiuso in vantaggio, in due minuti si fa prima raggiungere e poi superare. Si comincia a parlare apertamente di possibile esonero per Mihajlovic mentre anche il futuro di Corvino non sembra più sicuro.Il 23 scoppia la grana Mutu con il fuoriclasse rumeno che, a una settimana dalla fine della squalifica per doping, aggredisce Racaj Berat, cameriere di un noto locale fiorentino. Nel frattempo la Fiorentina supera di misura il Bari per 2-1 al Franchi con reti di Donadel e Gilardino. Sul fronte mercato è proprio il bomber di Biella a far parlare di se con un cambio di procuratore che sembra il viatico per un suo passaggio alla Juventus. Sul campo la Fiorentina elimina dopo i supplementari l'Empoli in coppa Italia, decisiva la rete di Babacar negli ultimi minuti. Il mese si chiude nel segno delle polemiche con le pesanti dichiarazioni di Prandelli che si toglie i sassolini dalla scarpa sul suo rapporto con i giocatori e la famiglia Della Valle, e con lo scontro verbale tra Diego Della Valle ed il giornalista Oliviero Beha.