FARDELLI E OPPORTUNITÀ

26.06.2019 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
FARDELLI E OPPORTUNITÀ

Prosegue la full immersion fiorentina per Rocco Commisso. Tornato allo stadio in compagnia della famiglia l'americano si è goduto anche il Franchi in versione musicale, con tanto di Ligabue sul palco. Ma che la giornata potesse riguardare vicende strutturali si era intuito con il nuovo incontro in Palazzo Vecchio. Non ben definiti i contorni della chiacchierata, se non che gli argomenti inevitabilmente sono stati lo stadio, il discorso relativo all'area Mercafir e un eventuale restyling del Franchi. Questioni che, per forza di cose, Commisso e Nardella torneranno ad aggiornare nelle prossime settimane. 

Anche le intenzioni di un'eventuale crescita strutturale sono un fardello da aggiungere al resto della precedente gestione. Non solo il folto gruppo di giocatori destinati a finire sul mercato subito dopo l'apertura ufficiale del mercato, ma anche il peso di una vicenda che non può non aver lasciato strascichi dolorosi. Strano a dirsi ma dopo lo strappo dei Della Valle sulla vicenda nuovo stadio è calato un silenzio prima favorito dalle elezioni e oggi non più scalfito. 

Inevitabile che ancora di più che sul mercato servirà pazienza per capire come e dove Commisso vorrà e potrà intervenire. Se sullo stadio, se riprendendo discorsi interrotti, o ancora se intanto tornare a guardare a quel centro sportivo per le giovanili troppe volte chiamato in causa dalla precedente società e mai ufficialmente svelato nella sua progettazione. Un ulteriore carico di responsabilità, certo, ma di altrettante opportunità per Commisso e per la nuova Fiorentina che ha sempre più voglia di legarsi alla propria città, come vuol testimoniare la campagna abbonamenti che si apre oggi.