DA FIRENZE A CROTONE, Eysseric il secondo rifiuto

26.01.2021 15:30 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: Dimitri Conti
DA FIRENZE A CROTONE, Eysseric il secondo rifiuto
© foto di Federico De Luca

Non soltanto si sono affrontate sabato scorso al Franchi: Fiorentina e Crotone, in questi mesi, hanno anche avviato numerosi tavoli di discussione sul calciomercato, passando spesso dal semplice pour-parler a discorsi anche più approfonditi, anche se fin qui mai sfociati in niente di ufficiale. L'ultima confessione è arrivata ieri proprio su queste colonne dal ds dei calabresi Ursino, e riguarda il francese Valentin Eysseric: "Ci ha detto di no quindici giorni fa". Non è neanche la prima volta che un giocatore viola dice di no ad un passaggio, anche momentaneo, al Crotone.

La prima volta, nel calciomercato settembrino, era stato Dusan Vlahovic. Ve l'avevamo anche raccontata quella vicenda, che si sviluppava nei giorni in cui ancora regnava l'incertezza a proposito del giovane serbo: rimarrà in rosa o andrà a fare esperienza altrove? Questa la domanda più ricorrente, che nel giro di poco avrebbe anche trovato una sua risposta nella permanenza del classe 2000, che dopo aver rifiutato la destinazione Crotone aveva, di fatto, anche reso impraticabili le piste Verona, dove lo avrebbe accolto volentieri Juric, e Parma per giocarsi le sue chance in viola.

Sul fronte opposto, non suoneranno certamente nuovi i nomi di Simy da una parte e, soprattutto, di Junior Messias dall'altra. Se dalla dirigenza calabrese fanno sapere che la rivelazione del loro campionato - vera e propria creatura del ds che è andato a pescarlo dai dilettanti - non è in vendita, almeno fino al termine della stagione; discorso diverso vale invece per il gigantesco centravanti nigeriano: pur essendo uno degli uomini simbolo degli Squali, ad un prezzo giusto (e non basso, non con meno di due cifre alla voce "milioni di euro") si sarebbe anche potuto aprire un tavolo, anche se poi sembrerebbe essere stata la Fiorentina a ritenere inadatte le condizioni per l'acquisto. L'asse Firenze-Crotone, insomma, è sempre vivo e attivo, anche se così non appare: seppure nulla si sia spostato, tutto s'è mosso.