CORSI E RICORSI

18.04.2019 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
CORSI E RICORSI

Difficile ripescare immagini piacevoli nello stadio bianconero. L'opera è complessa, che si tratti di campionato o di altre competizioni. I più attenti ricorderanno uno dei pochi gesti da campione di Mario Gomez con la maglia viola, ma quel gol in Europa League poi alla fine non servì a molto per come andò a finire la gara di ritorno. E più o meno andò nello stesso modo - anzi peggio - quando Momo Salah illuse una tifoseria intera con una doppietta da favola. 

E' però forse proprio quella gara a tener vive le maggiori speranze, fosse solo perchè sulla panchina della Fiorentina era seduto un certo Vincenzo Montella. Non fu sufficiente battere i bianconeri 2-1 nella gara d'andata perchè al ritorno la Juve non lasciò nemmeno le briciole, ma certamente trattasi di precedente positivo di cui tenere di conto. 

Anche Montella probabilmente terrà di conto qualche precedente, partendo dal ricordo più dolce legato a un trofeo portato a casa da allenatore del Milan. A Doha, nella gara valida per la Supercoppa Italiana, fu la sua squadra ad alzare la coppa dopo 120 minuti e i rigori ed è quella la vittoria più importante nel curriculum del tecnico campano. Corsi e ricorsi cui aggrapparsi per rovinare un'altra festa ai bianconeri e, soprattutto, caricarsi al massimo in vista della sfida determinante di giovedì prossimo a Bergamo.