STADIO, Arriva lo steward con la pistola

20.07.2007 07:24 di  Redazione FV   vedi letture
Fonte: Il Tirreno

Età tra i 30 e i 50 anni, «buona salute fisica e mentale», nessuna condanna seria alle spalle, diploma di scuola media superiore, conoscenza di «almeno una lingua straniera», prestanza fisica adeguata. Possibilità di girare armato. E’ questo l’identikit del «Coordinatore degli steward», che a breve potrebbe essere chiamato a garantire la sicurezza negli stadi italiani, così come è stato previsto dal decreto del ministero dell’Interno ora all’esame delle commissioni Affari Costituzionali e Cultura della Camera.
 Il «capo-steward», che potrà girare armato perchè verrà di fatto equiparato ad una guardia giurata, sarà presente solo negli stadi con capienza superiore ai 7.500 posti. E avrà il compito di coordinare e gestire l’esercito degli steward: il nuovo personale previsto nel decreto contro la violenza negli stadi di calcio, che dovrà vigilare sulla sicurezza degli stadi e sarà alle dipendenze delle società sportive.
 Secondo il decreto, ad ogni partita di calcio dovrà essere presente uno steward ogni 150 spettatori.

Ma si potrà prevedere anche il rapporto di uno ogni 250 a seconda della capienza dell’impianto. Il numero dei coordinatori invece dovrà essere di «uno ogni 20 steward».
 Nel decreto di otto articoli che stabilisce requisiti e mansioni degli steward e dei loro coordinatori, si prevede anche che l’addestramento di questi nuovi controllori sia a carico delle società sportive che dovranno occuparsi anche dei «requisiti morali» dei propri dipendenti. Se uno dei nuovi vigilantes infatti non dovesse possedere quei requisiti richiesti saranno le società sportive a pagare con una sanzione amministrativa che potrà andare dai 20mila ai 100mila euro.