CHIESA, Giocare per Fiorentina sogno che si realizza

06.04.2020 19:59 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
CHIESA, Giocare per Fiorentina sogno che si realizza

Federico Chiesa ha parlato di attualità e Fiorentina a SkySport24. Ecco le sue parole: "Ho ancora tantissimo da imparare dai giocatori più forti. Alla Fiorentina quest’anno è arrivato Ribery e da lui posso solo imparare ogni giorno di più”.

Il rapporto con Sousa? 
“Ancora ogni tanto parlo con Sousa via whatsapp, lo ringrazierò per sempre perché mi ha dato l’opportunità di realizzare il mio sogno facendomi esordire in Serie A. Continuerò a migliorarmi per far si che quello che ha fatto lui per me lo possa fare io per lui. Dopo avermi messo in campo contro la Juventus in un campo così difficile e in una partita così importante posso solo ringraziarlo. Ogni gol lo dedico a lui. Romei è il presidente della mia prima squadra di calcio. Per me è la prima figura che si riferisce al mondo del calcio”.

Il gol più bello che ha fatto?
“A Milano contro il Milan nel dicembre del 2018”.

Il compagno con cui ha fatto più amicizia?
“Ce ne sono molti. In Under 21 ho stretto molto amicizia con Orsolini, nella Fiorentina con Ceccherini, Venuti e quasi tutti i compagni italiani ma non solo come Pezzella e Ribery”.

Quanto è stato importante la figura di sua padre?
“Mio padre, ma anche mia mamma, sono state due figure importantissime nella mia crescita scolastica e calcistica. Per questo li ringrazio moltissimo. Loro quando ero piccolo mi dissero che il calcio è importante ma c’è anche la scuola. Tutt’ora mia mamma mi rimprovera se non studio qualcosa o se non leggo”.

Come si troverebbe a giocare da esterno in un 3-5-2?
“Quest’anno ho giocato più da seconda punta perché il mister voleva che giocassi lì. Dove decide il mister di farmi giocare io gioco. Faccio di tutto per aiutare la mia squadra al massimo. Ho giocato molto come esterno di destra e devo migliorare a rientrare da sinistra. In tutta la mia piccola carriera ho sempre giocato a destra”.

In che squadra voleva giocare da bambino?
“Il mio obiettivo da piccino era quello di entrare nel settore giovanile della Fiorentina e quindi il mio sogno è sempre stato quello di giocare al Franchi per i tifosi viola”. 

Cosa rappresenta per lei Firenze?
“Per me Firenze è diventata casa. Ho frequentato medie, liceo e tutt’ora università in questa città. Quindi giocare per la Fiorentina per me è il sogno realizzato. Un onore che ho sempre desiderato. Giocare davanti alla Fiesole è qualcosa di fantastico”.

La Fiorentina è un club con una grandissima storia...
“Assolutamente sì. È ovvio che avrà un grandissimo futuro. All’interno della squadra abbiamo persone fantastiche come Antognoni e Dainelli e ci fanno vedere ogni giorno cosa significa indossare la maglia viola. Metterli in società è stata una scelta perfetta”.

C’è anche un altro Chiesa nella Fiorentina
“Sì mio fratello. Ho avuto la fortuna che il giorno del gol contro la SPAL lui faceva il raccattapalle. Prima della partita mi scrisse un messaggio “se segni abbracciami” e così ho fatto”.

L’Italia sarà più forte nel 2021?
“Sicuramente. Avremo tutti un anno in più di esperienza calcistica e recupereremo giocatori come Zaniolo”.

Fra quanto vedremo la Fiorentina in alto?
“Questa domanda va fatta al presidente. Io posso dire che per quest’anno siamo in una zona di classifica che non ci rispecchia. Ora pensiamo alla salvezza poi penseremo a qualcosa di più in alto”.

Come trascorre la quarantena?
“Iachini ci segue ogni giorno e ci chiama per mandarci gli esercizi. Ci hanno fornito tapis roulant e cyclette. La nostra battaglia contro il virus continua giorno per giorno. Stando in casa salviamo le nostre vite ma non solo. Faccio i complimenti a chi mette a rischio la vita per salvare l’Italia”.