BONATO A FV, SEMPRE VOLUTO BABA. CHIESA? NESSUNA FRETTA

Esclusiva di FirenzeViola.it
 di Dimitri Conti Twitter:   articolo letto 2069 volte
BONATO A FV, SEMPRE VOLUTO BABA. CHIESA? NESSUNA FRETTA

Nereo Bonato, ex ds di Udinese e Sassuolo tra le ultime, ha parlato in esclusiva a FirenzeViola.it, a proposito di vari temi relativi alla sfida di domenica tra la Fiorentina e i friulani, ma non solo, analizzando anche vari temi di mercato passati, presenti e futuri:

Come arriva questa Udinese al Franchi? L'avvio è stato leggermente zoppicante...
"L'inizio è stato sicuramente al di sotto delle aspettative, ci si attendeva di più in casa friulana. La vittoria con la Sampdoria ha scacciato un po' di ansie e paure ma l'importante è che la squadra non pensi di essere già guarita. Deve ragionare come una squadra ancora malata".

Lei martedì sera era a vedere Italia-Marocco U21. Che impressioni ne ha ricavato?
"Una buona prova degli azzurrini. Vedo la possibilità di costruire una nazionale giovanile di livello, anche se l'Italia, da paese ospitante della manifestazione, è già qualificata di diritto all'Europeo e quindi non giocherà partite probanti come quelle di qualificazione. Ci sono tanti ragazzi che poi devono giocare con più continuità nei loro club, anche se alcuni lo stanno già facendo. Chiesa su tutti".

Cogliamo la palla al balzo: Chiesa rappresenta il presente della Fiorentina e dell'U21. Può essere lui il futuro della Nazionale A?
"Sta facendo il suo percorso: l'anno scorso si è messo in evidenza. Questa annata la vivrà sicuramente da protagonista e su di lui poggeranno la Fiorentina e l'Italia del futuro".

Da direttore sportivo quanto è proritario il suo rinnovo con la Fiorentina?
"Probabilmente, se le sue prestazioni dovessero continuare su questo regime, credo che il suo contratto sarà allungata. L'importante però è che non ci sia nessuna fretta: sono certo che avverrà nei modi e nei tempi ideali per tutte e due le parti".

Come giudica l'acquisto di Thereau da parte della Fiorentina? Lei ci ha lavorato anche a Udine...
"Da parte della Fiorentina penso ci fosse la voglia di acquistare uno della sua esperienza là davanti, in modo anche da bilanciare la presenza dei tanti giovani in rosa. Parliamo di una scelta dettata anche dalla conoscenza pregressa del giocatore con Pioli. La sua esperienza farà crescere anche tutti gli altri".

Chiusura su Babacar. Se non erro lei lo ha seguito sia quando era a Sassuolo che a Udine...
"Sì, ha sempre fatto bene, anche se sta tuttora vivendo un percorso di crescita che lo deve portare ad esprimersi totalmente. Quando lavoravo a Udine era uno dei nomi sotto osservazione. Anche a Sassuolo lo stesso: lui giocò molto bene a Modena, ad un passo dai neroverdi. Era un nome che piaceva ma è chiaro che devono esserci le condizioni: la Fiorentina voleva farlo maturare. Sulla carta un giocatore come lui può essere un valore aggiunto".