GASPERINI, ACF da prime otto. Noi tra più penalizzati

10.09.2021 14:02 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
GASPERINI,  ACF da prime otto. Noi tra più penalizzati
FirenzeViola.it
© foto di Image Sport

A poco più di ventiquattro ore dal match del Gewiss Stadium di Bergamo, Gian Piero Gasperini ha parlato della partita di domani contro la Fiorentina e della condizione della sua Atalanta. Ecco alcuni estratti della sua conferenza stampa:

Com'è la situazione alla vigilia del match contro la Fiorentina?
"La situazione è quella che conosciamo, ieri è stato il primo giorno per tanti, domani si inizia a giocare. Ma questo è il calendario, riguarda tante squadre. L'Atalanta è stata una delle più penalizzate, ma superato questo discorso c'è la gara di domani contro la Fiorentina. Dobbiamo rientrare velocemente nel campionato".

Come sta Zapata?
"Secondo me sta bene, si sta allenando con la squadra. Chiaramente rispetterò la sua condizione, farà parte della squadra ma non so se dall'inizio o partirà dalla panchina. Gosens lo vedo oggi, giocando ogni tre giorni c'è il rischio, ma sono contusioni".

Musso o Sportiello?
"È una situazione che vedrò domani".

Come valuta la Fiorentina?
"È una squadra che è nelle prime otto. Ha mantenuto Vlahovic, un giocatore che è cresciuto molto. La società ha dimostrato che vuole riprendersi il posto che gli abbiamo portato via noi. Ha aggiunto giocatori molto importanti, è giusto che abbiano ambizioni per tornare nei posti in cui sono sempre stati. Domani sarà una bella partita, arriva un po' raffazzonata nei tempi della preparazione, ma è inutile che ci attacchiamo a questa roba. Ogni giorno deve essere sufficiente, spero di avere un po' di continuità di partite. Siamo passati da un periodo di torpore a uno in cui sei dentro il frullatore. Va bene, accendiamo l'interruttore".

Muriel?
"Ci conto, la sensazione è che dovrà stare fuori parecchio, spero di recuperarlo dopo la sosta, ma è stato un bel guaio. Spero di riaverlo anche prima".

Zappacosta?
"Si è presentato bene, è un ragazzo affidabile. Il valore è molto alto, ma ci vuole per inserirsi in una squadra con determinati meccanismi. Per conoscerci calcisticamente è importante, altrimenti fai una squadra con tutti i migliori e con tutti i campioni. In queste due settimane ci siamo allenati bene".

Come valuta la scelta di rimanere di Ilicic?
"Il ragazzo è motivato, ha fatto una bella preparazione. Ieri si è presentato con il mal di schiena, spero che possa recuperare. Vediamo oggi e domani se può recuperare, ma non ci sono problemi, ci conosciamo bene".

Cosa si inventerà domani viste le assenze di Muriel e Zapata?
"Non devo inventare nulla. L'Atalanta ha sei attaccanti per due ruoli: Malinovskyi, Ilicic, Miranchuk, Muriel, Piccoli e Zapata. Numericamente possiamo giocare tante partite. La rosa in attacco, numericamente, è oltre a quelle che sono le mie abitudini".