FASCETTI A RFV, Nico stasera era da convocare

06.12.2023 13:26 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
FASCETTI A RFV, Nico stasera era da convocare
FirenzeViola.it

Eugenio Fascetti a Radio Firenze Viola

Eugenio Fascetti, ex calciatore ed allenatore, è intervenuto a Radio FirenzeViola nel corso della trasmissione "Viola Amore Mio". Ecco le sue parole.

Cosa ne pensa della stagione della Fiorentina fino a qui?
"Il campionato dei viola sta rispettando le previsioni e si deve essere soddisfatti. La partita di stasera non dovrà essere sottovalutata perché il Parma è una squadra piacevole che gioca bene e verrà a Firenze per fare il colpaccio. Come già successo anche le squadre inferiori possono fare male. Il Parma ha un gioco propositivo e sarà una bella partita, bisogna prestare molta attenzione".

Cosa ne pensa di Italiano e del suo gioco?
"Sono da sempre pro Italiano, ha fatto sempre bene ovunque ha allenato. Per cambiare la formazione ogni partita devi avere in mano una squadra adeguata, ora ci sono tanti impegni rispetto a prima quindi è giusto cambiare i giocatori. Riguardo al problema degli attaccanti che non stanno segnando, non è sempre colpa dei singoli giocatori, influisce e non aiuta anche il tipo di gioco utilizzato. Probabilmente Italiano valuta che non sia possibile giocare con entrambi gli attaccanti titolari in coppia, quindi va risolto il problema dei loro gol utilizzandoli singolarmente. Stasera Nico non l'avrei lasciato fuori dai convocati perché può essere sempre utile in caso di bisogno, al massimo l'avrei tenuto in panchina senza utilizzarlo. A gennaio non interverrei molto sul mercato, la squadra potrebbe rimanere questa anche perché un nuovo attaccante sarebbe molto difficile da trovare a metà stagione. Mi piacciono molti giocatori viola come Sottil che ha giocato bene la scorsa partita e dovrebbe avere più continuità, Kayode che è il futuro della Fiorentina e Bonaventura che è fondamentale e il Milan si starà mangiando le mani".

Cosa significa la sfida con la Roma di domenica?
"Sarà una partita dura con un allenatore forte che caricherà molto la squadra, sarà una partita delicata e difficile. La Roma non mi piace come gioca ma è sempre pericolosa con giocatori in rosa come Dybala e Lukaku. A volte Mourinho non mi piace come si comporta con le sue dichiarazioni pesanti e fastidiose, all'inizio era sopportabile ma adesso sta esagerando".

ASCOLTA IL PODCAST PER L'INTERVENTO COMPLETO