VIOLA PARK, Lavori avanti nonostante il ricorso

05.04.2021 08:00 di Dimitri Conti Twitter:    Vedi letture
VIOLA PARK, Lavori avanti nonostante il ricorso
© foto di ACF Fiorentina

La collina di Bagno a Ripoli rischia di diventare un vero e proprio scenario di guerra. E dire che proprio lì Commisso sembrava aver trovato il luogo di maggiore pace dal lato infrastrutturale, arrivando ad una rapida - si parla pur sempre d'Italia! - concertazione con l'amministrazione comunale nell'individuazione del luogo in cui dovrà sorgere il nuovo centro sportivo, già intitolato Viola Park. Non soltanto il nome, perché con tanto di cerimonia in cui lo stesso presidente viola si è prodigato zappa in mano, è partito l'iter per l'inizio dei lavori ormai a inizio febbraio. Poco dopo, però, è arrivata una doccia gelida: l'associazione ambientalista Italia Nostra ha presentato un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, con la motivazione di aver individuato un tentativo di speculazione. Un atto che ha sollevato la contrarietà di molte parti, sia sociali (per prime le associazioni organizzate del tifo) ma anche istituzionali, come dimostra la lettera all'attenzione di Draghi firmata a tre da CONI, FIGC e Lega Serie A in cui si evidenziava la situazione problematica. Nel frattempo i lavori sono comunque cominciati, come non ha mancato di evidenziare negli scorsi giorni il figlio di Commisso, che ha ripreso personalmente quanto avviene sul luogo. Al momento, infatti, ancora non è arrivata una sospensione cautelativa, e in tal senso sarà curioso capire se e quali tipi di effetti potranno sortire le numerose pressioni che in questo momento stanno gravando intorno al ricorso.