LA CONFERMA DI AQUILANI E LE FINALI: UN BILANCIO DEL SETTORE GIOVANILE VIOLA

26.06.2022 00:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:    vedi letture
LA CONFERMA DI AQUILANI E LE FINALI: UN BILANCIO DEL SETTORE GIOVANILE VIOLA
© foto di Federico De Luca

L'annuncio della conferma di Alberto Aquilani alla guida della Fiorentina Primavera e la finale dell'Under-15 giocata (e persa) ieri sera contro il Milan sono l'occasione per fare un bilancio di fine stagione sul settore giovanile. Uno dei comparti su cui la nuova proprietà americana ha voluto investire di più fin da subito, cambiando strategia rispetto a quanto fatto negli ultimi anni di gestione Della Valle: sempre più investimenti su giovani italiani, se possibile toscani.

Dopo anni di lavoro da parte del responsabile del settore giovanile Angeloni e dei suoi collaboratori, i giovani di nazionalità italiana sono diventati 312 su 338, quindi il 92%. Un numero in netta controtendenza rispetto alla maggioranza degli altri club giovanili, a cui va aggiunto che l'80% sono toscani. A questo si somma l'aumento dei club affiliati, passati da 20 a 70 società legate alla Fiorentina. Il tutto ha portato grandi risultati dal punto di vista sportivo: ne sono prova le finali di Under-13 e Under-15, la semifinale dell'Under-18 e i due trofei alzati dalla Fiorentina Primavera che è riuscita a conquistare per la quarta volta consecutiva la Coppa Italia.

Sguardo al futuro
E le prospettive sono solo di crescita. Un po' perché con il Viola Park pronto ad essere operativo nel 2023 crescerà ulteriormente la professionalità del settore giovanile viola, un po' perché a partire da Moena potrebbe nascere una nuova occasione per lanciare anche in prima squadra qualche talento derivante dal settore giovanile. Bianco, Agostinelli, Spalluto e non solo: Italiano potrà decidere su chi puntare per trovare i nuovi talenti viola del domani.