È GIÀ FIORENTINA-JUVENTUS

11.09.2019 10:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
È GIÀ FIORENTINA-JUVENTUS

Una giornata che è cominciata in maniera diversa dalle altre, quella di oggi in casa Fiorentina. Segno che la partita con la Juventus si sta avvicinando e che, a Firenze, l'atmosfera comincia a farsi elettrica. Rocco Commisso al Corriere dello Sport (QUI), Vincenzo Montella alla Gazzetta (QUI), Joe Barone a Tuttosport (QUI) e Kevin-Prince Boateng alla Repubblica (QUI): hanno parlato tutti insieme in vista di un impegno che sabato, al Franchi, si prospetta più complicato che mai.

Commisso parla dei tifosi, invitando gli ultras a non cantare cori su Heysel o Scirea, Montella si concentra di più sugli aspetti di campo, consapevole della pressione che ha da parte di tutta la piazza, e Boateng invece va sull'aspetto social: "Se vinciamo ceniamo gratis per una settimana".

Quali che siano le parole usate, comunque, è chiaro che in casa Fiorentina l'attesa per la partita contro la Juventus è tanta. Non fosse altro per gli incroci, da CR7 contro FR7 alla sfida nelle sfide tra chi, come Chiesa, in estate ha rischiato di vestire la casacca inversa e chi, come Commisso, dopo un'infanzia nella quale ha sostenuto la Juventus adesso si ritrova proprietario e tifoso numero 1 della Fiorentina.

In un Franchi che si prospetta vestito a festa arrivano dei bianconeri che nonostante le due vittorie non stanno brillando e per Sarri - che per la prima volta in campionato siederà in panchina questo campionato - stanno arrivando già le prime critiche. Ma forse proprio per questo la Juventus è più pericolosa che mai.

Con un Ribery in più, però, e qualche giorno di allenamento tutti insieme (anche se Caceres e Pezzella arriveranno solo domani) Commisso, Montella, Boateng e Firenze possono sperare di poter competere con gli storici rivali. Poi, si sa, ogni partita fa storia a sè.