COMMISSO SMANIA PER TORNARE MA I TEMPI NON SONO ANCORA MATURI

13.08.2020 00:00 di Pietro Lazzerini Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
COMMISSO SMANIA PER TORNARE MA I TEMPI NON SONO ANCORA MATURI

Se Steven Zhang è tornato a Milano nelle scorse ore per stare vicino alla squadra e sbrogliare la questione legata ad Antonio Conte e al futuro della panchina, non è ancora arrivato il momento per il ritorno a Firenze di Rocco Commisso. Il presidente della Fiorentina, che quotidianamente si informa con le autorità per conoscere le eventuali modifiche ai protocolli utili per permettergli di fissare uno dei voli più attesi della sua vita, non può ricongiugersi col figlio Joseph e, oltre agli affetti, non può neanche seguire da vicino la sua squadra come invece vorrebbe. 

Commisso smania dalla voglia di stare vicino ai giocatori e ai dirigenti in un momento delicatissimo della sua storia fiorentina. Da una parte il Centro Sportivo e lo stadio, dall'altra la costruzione della rosa in vista dell'anno uno della sua presidenza. La scelta di confermare Iachini è arrivata dall'altra parte dell'Oceano, le prossime novità di mercato vorrebbe poterle seguire da vicino ma i tempi non sono ancora maturi. 

La cosa certa è che nell'esatto momento in cui le maglie dei protocolli verranno allargate, il patron italo-americano non si farà trovare impreparato e organizzerà subito il volo per tornare a Firenze. Sono troppi i motivi che lo portano ad attendere con trepidazione notizie positive sul fronte regolamenti anti-Covid. In ogni caso Commisso segue tutto quotidianamente e in costante contatto con Barone e Pradè. Non gli sfugge una virgola di ciò che accade all'ombra del Duomo, ma un conto è viverla con attenzione a migliaia di chilometri di distanza, un conto è farlo da vicino come vorrebbe lo stesso presidente.