PAZIENZA A FV, Castrovilli darà tanto. Ribery basta...

10.09.2019 12:45 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
PAZIENZA A FV, Castrovilli darà tanto. Ribery basta...

Michele Pazienza, oggi allenatore ed in passato centrocampista con le maglie sia di Fiorentina che Juventus, ha parlato dell'incontro di sabato tra le sue due ex squadre, e non solo, a Garrisca al Vento!, trasmissione in onda ogni martedì su TMW Radio curata e realizzata dalla redazione di FirenzeViola.it.

Su Castrovilli: "Lo conosco bene perché l'ho seguito anche negli anni precedenti, è un giocatore che ha qualità importanti e che è adatto al progetto Fiorentina. È alla sua prima esperienza nella massima serie, non potrà mantenere sempre alto il livello che ha mostrato in queste due partite, ma può dare tanto".

Su Benassi: "Castrovilli è un giocatore che ha una qualità di corsa così come Benassi. Bisogna valutare la condizione fisica di entrambi i giocatori. L'ex Cremonese secondo me ha qualcosa in più a livello tecnico probabilmente. Servono più alternative nello stesso ruolo".

Sulla coesistenza di Badelj e Pulgar: "Sono due giocatori che si assomigliano, ma Pulgar è più dinamico, ha più forza e copre più campo rispetto all'ex Lazio che, dal canto suo, ha più geometrie".

Su Fiorentina-Juventus: "È un dato di fatto che i viola la sentano di più, ma anche perché la Juventus ha obiettivi diversi negli anni, è sempre stato così ed è chiaro che la Fiorentina, come tutte le altre squadre, se riesce a battere i bianconeri fa un'impresa".

Su Federico Chiesa: "A livello mentale per lui non è una situazione semplicissima. Io inizialmente ero un po' scettico, Commisso ha portato tanto entusiasmo ed io avevo il sentore che con la forza economica della società il giocatore venisse convinto a restare, ma vedere Chiesa in questo periodo mi fa capire che la strategia sia stata sul piano mentale in maniera serena il suo futuro immediato. Sarà una partita delicata che potrebbe procurargli un po' di emozioni soprattutto nei minuti iniziali. Io dico quelle che sono le mie impressioni dall'esterno, secondo me è entusiasta, ha voglia di correre, convinto assolutamente di restare alla Fiorentina".

Sulle ambizioni: "In rosa i viola hanno giocatori importanti, ma non dimentichiamoci che la sfida contro il Napoli poteva avere un risultato diverso e la Fiorentina non meritava, probabilmente, la sconfitta. Quando si cambiano così tanti giocatori ci vuole del tempo, poi non ha incontrato squadre semplici: secondo me si posizionerà tra le prime sei e lotterà per qualificarsi in Europa".

Su Ribery: "Se è nelle condizioni fisiche migliori può dare davvero tanto alla squadra sia dal punto di vista dell'esperienza, ma soprattutto sotto il punto di vista qualitativo: può spostare gli equilibri. La sua storia parla per lui, molto dipenderà da lui. Basterebbe avere l'80% di Ribery questo sabato".