ON. GIANASSI A RFV, Franchi? Il Governo latita

18.01.2024 11:18 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
ON. GIANASSI A RFV, Franchi? Il Governo latita
FirenzeViola.it

Federico Gianassi a Radio FirenzeViola

Sul tema stadio, all'interno di C'è Polemica (nuova trasmissione di Radio FirenzeViola) parola all'Onorevole Federico Gianassi (Partito Democratico), ex assessore fiorentino e tifoso viola: "Sulla situazione Franchi ci sono due verità e una latitanza. La prima verità è che il sindaco di Firenze era riuscito a ottenere 200 milioni per rifare lo stadio, "impuntandosi" (in senso buono) ed è stato bravissimo. Purtroppo il Governo Meloni ha perso 50 milioni che aveva conquistato il Governo Draghi, li ha persi anche per Venezia (poi lì li ha ritrovati, spero non sia dovuto al colore politico della città) e comunque anche nelle difficoltà Nardella sta facendo bene. Poi c'è la verità della Fiorentina, che ha una società solida che ha esigenze di avere certezze per la pianificazione e fa bene a chiederle. Chi è che latita? Qui sta mancando il Governo. Sia la Fiorentina che il Comune hanno chiesto una deroga sulle tempistiche al Governo, che ha stabilito queste tempistiche. In caso il Governo concedesse una proroga ci sarebbe modo di mettersi a sedere tutti con più calma e provare a trovare una soluzione che non gravi sui tifosi. Io avevo dieci anni nel '90 e dal '91 si iniziò a dire che quella dei Mondiali fu un'occasione persa, mi auguro che non succeda di nuovo ora, sia da cittadino che da tifoso". 

Da grande tifoso viola, Gianassi si è espresso anche sulla Supercoppa Italiana che partirà oggi a Riyad e sulla scelta della Lega Serie A di disputare la competizione in Arabia Saudita: "Per noi tifosi se ci fosse stata una sede più vicina sarebbe stato meglio. Abbiamo visto anno scorso a Roma e Praga, quando ci fu una grande partecipazione. Poi sul tema generale è inutile che ci scandalizziamo, queste ormai sono le regole del gioco; è vero, l'Arabia Saudita non ha una cultura democratica ma ha relazioni diplomatiche avviate con tanti paesi, compreso il nostro".

ASCOLTA IL PODCAST INTEGRALE