CRUDELI A FV, CHIESA IDEALE PER IL MILAN. PREFERISCO MILENKOVIC A PEZZELLA

01.09.2020 16:00 di Alessio Del Lungo   Vedi letture
CRUDELI A FV, CHIESA IDEALE PER IL MILAN. PREFERISCO MILENKOVIC A PEZZELLA

Oggi il mercato ha aperto ufficialmente e anche la Fiorentina sta iniziando a muoversi sotto traccia per cercare di rinforzarsi. FirenzeViola.it però ha contattato, in esclusiva, Tiziano Crudeli, storico cronista di fede rossonera, per approfondire il discorso legato a Federico Chiesa ed altri nomi caldi nell'asse Milan-Fiorentina.

Crede alla possibilità di veder giocare il classe '97 a San Siro?
"Il Milan sta cercando di rinforzare l'organico soprattutto sulla fascia destra e lui sarebbe un elemento ideale. Costa tanto, ma i rossoneri sono intenzionati a fare investimenti sostanziosi. Indubbiamente quest'anno la squadra parte da un primo piano dove ha avuto recentemente un rendimento ottimale di almeno 8 giocatori su 11. C'è stato un progresso sul piano del gioco, ma ci vogliono almeno 2 o 3 elementi per il salto di qualità".

Per il tipo di gioco di Pioli e del Milan lo reputa un calciatore adatto?
"Pioli sta dimostrando di essere un ottimo allenatore, ha saputo valorizzare e gestire l'organico rossonero. Ha ottenuto ottimi risultati sul piano del gioco, nel girone di ritorno il Milan è stata la 2° squadra con più punti grazie a Ibrahimovic e alla crescita di tutti".

Fosse un dirigente dei rossoneri, si priverebbe di Lucas Paqueta inserendolo nella trattativa?
"Paqueta ha deluso, è stato pagato 34 milioni e non ha reso per quanto era lecito attendersi, forti dubbi ci sono. Anche Leao non ha brillato considerati i milioni investiti, ci vuole tempo e pazienza. Vediamo, ma potrebbe essere un giocatore sul quale dover avere pazienza e investire".

Altro obiettivo del Milan è Nikola Milenkovic.
"Ottimo giocatore. Va benissimo per il Milan e per rinforzare il reparto arretrato rossonero, si parla già di un forte interessamento della società".

In ballo però c'è anche il futuro di German Pezzella. E' un nome valido per la difesa?
"Ho dei dubbi, non certezze. Milenkovic mi dà una certa affidabilità sull'eventuale rendimento nel reparto arretrato. Dovendo scegliere preferisco il serbo".